La moglie di Kobe Bryant, Vanessa, prende parola per la prima volta dopo la tragedia che ha causato la morte di suo marito, della loro figlia tredicenne Gianna Maria Onore (detta GiGi) e degli altri occupanti dell’elicottero Sikorsky S-76B precipitato a Calabasas, fuori Los Angeles, lo scorso 26 gennaio.

E lo ha fatto tramite un post pubblicato su Instagram tramite il quale ha ringraziato tutte le innumerevoli manifestazioni di affetto e cordoglio pubblico tributate a Kobe Bryant chiedendo però ora “rispetto e privacy”.

Le mie ragazze ed io vogliamo ringraziare i milioni di persone che ci hanno supportato con tutto il loro amore in queste giornate colme di tristezza. Grazie per le vostre preghiere, ne avevamo bisogno. Siamo devastate dall’improvvisa perdita del mio adorato marito, Kobe, lo straordinario padre delle nostre quattro figlie, e della mia bellissima e dolce Gianna, una figlia splendida, premurosa, tenera, straordinaria sorella di Natalia, Bianka e Capri.

E siamo anche devastate per le altre famiglie che hanno perso i loro cari domenica scorsa e condividiamo intimamente il loro dolore. Non ci sono abbastanza parole per descrivere il terribile dolore che stiamo provando. Mi conforto nel sapere che Kobe e Gigi erano entrambi consapevoli di quanto fossero profondamente amati […]

Grazie per aver condiviso con noi la vostra gioia, il vostro dolore e per averci supportato. Ora vi chiediamo di poterci garantire il rispetto e la privacy necessarie per navigare attraverso il mare burrascoso di questa nuova realtà.

Ecco, a seguire, il post pubblicato su Instagram dalla moglie di Kobe Bryant, Vanessa:

 

View this post on Instagram

My girls and I want to thank the millions of people who’ve shown support and love during this horrific time. Thank you for all the prayers. We definitely need them. We are completely devastated by the sudden loss of my adoring husband, Kobe — the amazing father of our children; and my beautiful, sweet Gianna — a loving, thoughtful, and wonderful daughter, and amazing sister to Natalia, Bianka, and Capri. We are also devastated for the families who lost their loved ones on Sunday, and we share in their grief intimately. There aren’t enough words to describe our pain right now. I take comfort in knowing that Kobe and Gigi both knew that they were so deeply loved. We were so incredibly blessed to have them in our lives. I wish they were here with us forever. They were our beautiful blessings taken from us too soon. I’m not sure what our lives hold beyond today, and it’s impossible to imagine life without them. But we wake up each day, trying to keep pushing because Kobe, and our baby girl, Gigi, are shining on us to light the way. Our love for them is endless — and that’s to say, immeasurable. I just wish I could hug them, kiss them and bless them. Have them here with us, forever. Thank you for sharing your joy, your grief and your support with us. We ask that you grant us the respect and privacy we will need to navigate this new reality. To honor our Team Mamba family, the Mamba Sports Foundation has set up the MambaOnThree Fund to help support the other families affected by this tragedy. To donate, please go to MambaOnThree.org. To further Kobe and Gianna’s legacy in youth sports, please visit MambaSportsFoundation.org. Thank you so much for lifting us up in your prayers, and for loving Kobe, Gigi, Natalia, Bianka, Capri and me. #Mamba #Mambacita #GirlsDad #DaddysGirls #Family ❤️

A post shared by Vanessa Bryant 🦋 (@vanessabryant) on

 

Vi ricordiamo che Kobe Bryant verrà ricordato durante la cerimonia degli Oscar 2020. L’Academy sta pensando a un omaggio, non è chiaro se avverrà durante il segmento In Memoriam o in qualche altro modo. Bryant vinse l’Oscar nel 2018 per il miglior cortometraggio animato per Dear Basketball, realizzato insieme all’animatore Glen Keane con musiche di John Williams. Nonostante la statuetta, Bryant non è entrato a far parte dell’Academy.