Fonte: CS.net

Sono anni che si parla di un film sulla Justice League of America, una specie di spin-off come i Vendicatori solo che popolato di supereroi DC Comics anziché Marvel. Ultimamente il chiacchericcio si è fatto più insistente, a seguito di alcune dichiarazioni importanti di persone legate più o meno da vicino alla produzione.

Innanzitutto Christian Bale, protagonista dei Batman di Christopher Nolan, ha detto chiaramente di non essere legato alla produzione del film né di essere mai stato contattato per la parte dell’uomo Pipistrello. Lo stesso dicasi per Brandon Routh: l’attore tornerà in Superman: the Man of Steel ma non nel film dei Giustizieri.

L’ultimo rumor però arriva da IESB, rilanciato subito da siti come ComingSoon.net: pare che il film sulla Lega dei Giustizieri d’America sarà completamente CGI, realizzato in performance capture al pari di film come The Polar Express e i più attuali Beowulf e Avatar.

Il regista di cui si parla maggiormente negli ultimi tempi è George Miller, che ha lavorato a film d’azione come The Road Warrior e anche a film animati come Happy Feet per la Warner.

Image Hosted by ImageShack.us

La possibilità che il film sia in 3D apre un nuovo orizzonte al film e in effetti rende più sensata l’esclusione di star come Bale e Routh: il budget sarebbe così molto più contenuto (ricordiamo che film come 300 costano intorno ai cinquanta milioni, al contrario di film dal vivo come Spider-Man che hanno un budget di oltre 200 milioni). E spiegherebbe anche la chiamata al casting che sarebbe già in corso – una operazione così accelerata ha senso nel caso di un film in performance capture. Anche perché con un casting di quasi-sconosciuti (tanto la maggior parte la fa il 3D) renderebbe più facile, nel caso di un fallimento del film, mantenere ben separati franchise già ben avviati come Batman o in futura espansione come Wonder Woman.

Pare che la Warner consideri già il film come suo titolo di punta dell’estate 2009: se così fosse, molto presto sentiremo dichiarazioni ufficiali sulla Lega di Giustizia d’America