Come sappiamo Mindy Kaling e Dan Goor sono stati incaricati di scrivere la sceneggiatura del terzo film di La rivincita delle bionde (il secondo capitolo si intitola Una bionda in carriera), progetto che dovrebbe arrivare nelle sale nel 2022.

In una recente intervista la Kaling ha parlato del progetto, rivelando che i piani generali prevedono ancora di far approvare la sceneggiatura (da Reese Witherspoon, anche produttore esecutivo del film) e girare il tutto entro quest’anno per poi far arrivare il progetto nelle sale nel 2022, ma che tutto questo dipenderà principalmente dall’andamento della pandemia. Poi ha dichiarato:

Amo così tanto il franchise. Adoro Elle Woods come personaggio e quando Reese mi ha chiesto di scrivere il film ho pensato subito “Assolutamente”.

Potete sentire la dichiarazione completa qui di seguito:

 

 

Mindy Kaling e Dan Goor si occuperanno di scrivere per la MGM la sceneggiatura del film, mentre Reese Witherspoon tornerà a vestire i panni di Elle Woods dopo La rivincita delle bionde (2001) e dopo Una bionda in carriera (2003) e figurerà come produttrice attraverso la sua casa di produzione Hello Sunshine con il produttore originale del franchise Marc Platt.

A scrivere la pellicola c’erano già Kristen Smith e Karen McCullah, sceneggiatrici del primo film, adattamento del romanzo di Amanda Brown, ma pare che la sceneggiatura di Kaling e Goor abbia preso una direzione completamente diversa.

La rivincita delle bionde, uscito 17 anni fa, raccontava la storia di Elle Woods, una reginetta di un’associazione studentesca che veniva piantata dal suo fidanzato e decideva così di iscriversi a Legge all’università cercando di dimostrare di non essere definita solamente dalla sua apparenza. Il sequel, uscito nel 2003, la vedeva unirsi allo staff di un membro del Congresso a Washington con l’obiettivo di far passare una legge sulla vivisezione. Il primo film, costato 18 milioni di dollari, incassò 141 milioni di dollari in tutto il mondo, il secondo, costato 45 milioni, ne incassò 124.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

FONTE: AccessHollywood