Che la Sony abbia deciso di puntare sempre di più sullo sfruttamento cinematografico e televisivo delle sue IP videoludiche è noto da tempo ormai. Le riprese del film di Uncharted sono terminate da qualche settimana, Miles Morales ha debuttato in sala prima e su PlayStation 5 poi, c’è in cantiere una serie TV basata su The Last of Us supervisionata da Craig Mazin e prodotta insieme alla HBO.

Stando a quanto affermato a dicembre dal CEO di Sony Pictures Entertainment Tony Vinciquerra sarebbero tre i film e sette le serie TV basate su proprietà intellettuali videoludiche in fase di sviluppo (ECCO I DETTAGLI NOTI FINORA).

Le parole pronunciate dal Presidente e CEO di Sony Interactive Entertainment, Jim Ryan, suonano come una sostanziale eco a quelle del collega del settore cinematografico del colosso nipponico.

Ryan spiega:

Siamo molto emozionati all’idea di portare alcune delle migliori IP PlayStation in nuovi media come il cinema e la televisione. Quest’anno avrete modo di vedere il film con Tom Holland, Uncharted, basato sull’omonima serie di giochi d’avventura. Poi ci sarà The Last of Us, un duro viaggio emotivo che arriverà su HBO. E questo è solo l’inizio della nostra espansione, in termini di storytelling, in nuovi media che possono arrivare a un pubblico anche più ampio. La Sony è una creativa compagnia d’intrattenimento e l’intrattenimento non è mai stato più importante.

L’adattamento di The Last of Us, nello specifico, sarà sviluppato da Craig Mazin (Chernobyl) in collaborazione con il creatore del gioco Neil Druckmann e la produttrice esecutiva Carolyn StraussGame of Thrones). La serie è una co-produzione con Sony Pictures Television, PlayStation Productions, Word Games e Naughty Dog. Il network non ha svelato il numero di episodi che verranno prodotti.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!