Francesco Alò

Francesco Alò

redattore

Gli articoli di Francesco Alò

Aggiornato il 23 febbraio 2019 alle 11:25

Due film molto interessanti e diversi tra loro segnano questo weekend finale di luglio. Il primo è il sequel assai sofisticato Apes Revolution: il Pianeta delle Scimmie firmato Matt Reeves e seguito del buon L'Alba del Pianeta delle Scimmie del 2011
i-guardiani-della-galassiaBANNER

A margine della première europea di Guardiani della Galassia, abbiamo incontrato il regista e il cast del cinecomic Marvel. Ecco quanto emerso nel corso della roundtable. Chris Pratt Sulle sue fantasie superomistiche dentro l'Universo Marvel Ragazzi

Attenzione: nella recensione si citano passaggi della pellicola che alcuni potrebbero giudicare "spoilerosi" Awesome. Ancora Michael Bay? No, no. Non vi preoccupate. Ci riferiamo a un termine scritto a penna da una madre sul secondo

“Aveva ragione Julian Assange. Aveva ragione Noam Chomsky. Aveva ragione Ethan Brown. Avevano ragione quelli che si nascondevano dietro le maschere di Anonymous e gli attivisti di Bilderberg. Altroché se avevano ragione. E aveva ragione Kim Dotcom
phil lord chris miller

“A Hollywood vali quanto il tuo ultimo film”. Ve lo sentirete dire da tutti: registi un tempo re del del box office e ora praticamente disoccupati come John Landis e attori emergenti come Bradley Cooper. Phil Lord e Christopher Miller, in base
settimana internazionale della critica sic banner

Struttura tradizionale per la Settimana della critica: sette film in Concorso e due eventi speciali. Tutti film in anteprima mondiale tranne la pellicola iraniana. Tutti i selezionatori presenti alla Casa del Cinema tranne il collega Giuseppe Gariazzo. C'è
harry ti presento sally slide

C'è la commedia romantica prima di Harry ti presento Sally e la commedia romantica dopo Harry ti presento Sally. La produzione era partita con l'ambizione minima di trovare delle location a New York non ancora sfruttate da Woody Allen. Ironico. Alla
anarchia banner

Il primo ha creato ha creato l'ambientazione. Questo secondo la fa esplodere. Non siamo più in una casa ma in una macchina. Non più l'home invasion ma il road movie metropolitano. Sempre Stati Uniti del prossimo futuro: 2023. Un veicolo percorre