Francesco Alò

Francesco Alò

redattore

Gli articoli di Francesco Alò

Aggiornato il 24 gennaio 2019 alle 07:13

Glenn Ficarra e John Requa: i geni della truffa. Scomodiamo il titolo dell'unica regia della coppia di scrittori di Babbo bastardo, alfieri della provocazione mainstream, per apostrofare gli autori di Crazy, Stupid, Love. Bisogna essere un genio,

Caso interessante: un film italiano quasi remake (A Day Without a Mexican di Sergio Arau, 2004) che di fatto è un high concept movie (“Cosa succederebbe se... in Italia sparissero gli immigrati?). C'erano due termini inglesi nella frase

C'è sempre una grande invidia quando si analizzano film come Le amiche della sposa e si è italiani. In Italia un cinema al femminile così ben strutturato, scritto e poi conseguentemente visto, in primis da un pubblico di donne,

Nell'anno di santificazione di Steven Spielberg come Esopo della postmodernità arriva, dopo Paul, il secondo film che celebra la poetica cinematografica del papà della favola moderna e dell'alieno buono E.T. Il titolo ovviamente

Il papà dei blockbuster ascoltava Berio e Nono e non gli Aerosmith? Capita di fare strani incontri a volte. Come quando ti imbatti in Lorenzo di Bonaventura, classe 1957, produttore di giocattoloni blockbuster come Transformers, G.I. Joe ma anche

Il politico e la ballerina. Ma perché questo amore non s'ha da fare? Lui è David Norris (un coriaceo Matt Damon). Candidato giovanissimo al Senato per lo stato di New York, David si frega tutto con foto compromettenti che lo ritraggono

Bobby Farrelly è sposato dal 1990. Il fratello Peter dal 1996. Ancora resistono. Per gli standard hollywoodiani, i due fratelli registi di Tutti pazzi per Mary (1998) sono più fedeli di quanto lo sia il cane Hachikō con Richard Gere nell'omonimo

C’erano una volta quattro leoni. Anzi, no. C’erano una volta uno struzzo, una tartaruga ninja, un honey monster della marca di cereali Sugar Puffs e un pagliaccio a testa in giù che durante la maratona di Londra provarono a far saltare