Ormai lo sappiamo: Black Adam include un cameo eccellente in una scena nei titoli di coda, un cameo che segna il ritorno di Henry Cavill nei panni di Superman. Doveva essere una grande sorpresa, che tuttavia è stata rovinata dopo un leak online – il quale ha comunque generato un tale chiacchericcio da suscitare probabilmente ulteriore interesse nei confronti del film.

C’è una persona, però, che non ha preso per niente bene il leak: è il produttore Hiram Garcia, che ha espresso tutta la sua frustazione in un’intervista con Slashfilm. La scena era stata concepita per far fare un salto sulla poltroncina agli spettatori:

È stato veramente frustrante. Abbiamo lavorato duramente, eravamo convinti che questo finale, questo sogno che volevamo portare finalmente in vita, avrebbe generato una reazione sconvolgente nei fan, un vero “Oh mio dio!” Ce lo chiedevano da così tanto tempo. Stavamo tutti aspettando da tempo. È stata una delusione questo leak. La nostra speranza è che i fan appassionati siano riusciti a evitare il leak per poterselo godere sul grande schermo.

Una volta trapelata online, comunque, la presenza di Henry Cavill è stata utilizzata dalla Warner come stunt promozionale, e lo stesso Garcia ha spiegato che quella fra Black Adam e Superman non sarà una battaglia una tantum, ma una relazione che andrà a definire gli equilibri di forza del DCEU per lungo tempo (ECCO TUTTI I DETTAGLI).

Black Adam: la versione originale della scena nei titoli di coda

Detto questo, la scena nei titoli di coda inizialmente doveva sì includere Superman, ma non Henry Cavill.

Nell’attuale versione della scena, Black Adam si trova nelle rovine del tempio di Kahndaq. È notte, e un drone si avvicina, proiettando l’ologramma di Amanda Waller. La donna minaccia Black Adam, intimandogli di rimanere a Kahndaq dopo la sua evasione dalla prigione della Task Force X. Se non lo farà, dovrà vedersela con figure non necessariamente provenienti dalla Terra. Black Adam dice alla Waller di mandare chi vuole, e distrugge il drone. A quel punto vediamo comparire Superman.

Intervistato dall’Hollywood Reporter, il direttore della fotografia Lawrence Sher ha svelato che questa sequenza inizialmente mostrava unicamente il simbolo di Superman, con il supereroe davanti a Black Adam, senza che si vedesse il suo volto. La sequenza originale è stata girata durante le riprese aggiuntive, senza che ancora fosse coinvolto Henry Cavill ma utilizzando una controfigura, e in attesa di capire se sarebbe stato possibile avere l’attore è stata mostrata ai test screening:

Andai a uno dei test screening… nel quale mostrarono la scena senza la sua testa. Funzionava. A quel punto si dissero: “Ora dobbiamo fare in modo di avere Henry”.

Se la scena fosse rimasta così, sarebbe stato l’ennesimo cameo di Superman senza far vedere il suo volto, dopo Shazam! e Peacemaker, e avrebbe generato furia e ilarità da parte dei fan in egual misura.

A quanto pare non è stato semplice riuscire a far sì che l’attore inglese tornasse nei panni dell’Uomo d’Acciaio e non per colpe imputabili ad Henry Cavill, anzi. La colpa, stando a quanto raccontato da The Rock, è da imputare alla vecchia dirigenza della Warner. Una volta assicurato l’ok dei nuovi capi Michael De Luca e Pam Abdy, la parte in cui si vede Henry Cavill è stata girata da remoto a Londra il mese scorso. E ora, un nuovo film sull’Uomo d’Acciaio è diventata una priorità.

Classifiche consigliate