Black Panther: Wakanda Forever, lo sceneggiatore parla della decisione di uccidere un personaggio

black panther wakanda forever
Black Panther: Wakanda Forever
di Ryan Coogler
9 novembre 2022 al cinema

Il co-sceneggiatore di Black Panther: Wakanda Forever, Joe Robert Cole. ha parlato con Rolling Stone del film ora nei cinema italiani.

Cole ha parlato nello specifico della decisione di uccidere il personaggio di Angela Bassett, la regina Ramonda, uno sviluppo necessario per la storia di Shuri:

Abbiamo cominciato a pensare al suo sviluppo e al viaggio che volevamo che facesse. […] Se ripenso a com’era nel primo film, sono molto fiero di come Shuri sia evoluta come personaggio.

All’inizio di questo film è la persona più intelligente di tutto il Wakanda, eppure non riesce a salvare suo fratello. Che impatto ha una cosa simile? Abbiamo cominciato a immaginare il suo viaggio, a pensare alla sua rabbia, alla sua frustrazione, alla dedizione cieca al suo lavoro. È più una ragazza di scienza che di mistica e piani ancestrali. L’esplorazione del suo viaggio e del viaggio con sua madre – che ha perso un figlio, che ha perso suo marito e che deve fare i conti con la perdita mentre aiuta Shuri a fare lo stesso – ci ha condotti all’idea che sarebbe stato di enorme impatto per Shuri, e ovviamente per la nazione, se Ramonda fosse morta durante l’esondazione. Come si sarebbe rialzata Shuri e come avrebbe fatto il Wakanda? Quello sarebbe stato un grosso trampolino per M’Baku e per tutti gli altri personaggi.

Black Panther: Wakanda Forever, diretto da Ryan Coogler, è al cinema dal 9 novembre. Trovate tutte le informazioni nella nostra scheda.

Cosa ne pensate di Black Panther: Wakanda Forever? Lasciate un commento!

APPROFONDIMENTI SUI MARVEL STUDIOS

Classifiche consigliate

È necessario attenersi alla netiquette, alla community infatti si richiede l’automoderazione: non sono ammessi insulti, commenti off topic, flame. Si prega di segnalare i commenti che violano la netiquette, BAD si riserva di intervenire con la cancellazione o il ban definitivo.