Black Panther: Wakanda Forever, il produttore parla del “terribile” incidente di Letitia Wright

black panther shuri
Black Panther: Wakanda Forever
di Ryan Coogler
9 novembre 2022 al cinema

In occasione di un confronto con altri produttori per l’Hollywood Reporter, Nate Moore ha parlato delle sfide legate a Black Panther: Wakanda Forever, parlando dell’incidente che ha costretto Letitia Wright a una pausa forzata dalle riprese.

Come raccontato da Moore, nonostante non siano chiare le dinamiche, c’è stata molta paura:

Il momento più spaventoso è stato in realtà quando Tish (Letitia Wright) si è infortunata […] Ho ricevuto una chiamata nel bel mezzo della notte ed è stato terrificante, perché non riguardava più il film, ma una persona, una persona che conoscevo da anni. Da produttore ti senti responsabile per tutti coloro che fanno parte del cast e della troupe e ti senti responsabile per averla messa in quella posizione.

Ha poi aggiunto:

Raccogliere i cocci e stendere un nuovo programma di riprese è stato la parte più facile rispetto alla guarigione di Tish, sia fisica che psicologica, perché per lei è stato un trauma. Abbiamo dovuto farla stare a suo agio al suo ritorno per permetterle di recitare al livello a cui doveva recitare… non sai mai se potrai mai riprenderti da cose simili, ma lei l’ha fatto. Ci ha regalato una performance fantastica, ma se ripenso a quel momento, nulla è stato più spaventoso di quella telefonata.

Black Panther: Wakanda Forever, il nuovo film Marvel Studios diretto da Ryan Coogler e prodotto da Kevin Feige e Nate Moore, è uscito il 9 novembre nelle sale italiane distribuito da The Walt Disney Company Italia.

Trovate tutte le informazioni sul film nella nostra scheda!

APPROFONDIMENTI SUI MARVEL STUDIOS

Classifiche consigliate

È necessario attenersi alla netiquette, alla community infatti si richiede l’automoderazione: non sono ammessi insulti, commenti off topic, flame. Si prega di segnalare i commenti che violano la netiquette, BAD si riserva di intervenire con la cancellazione o il ban definitivo.