Un a settimana fa, giorno più, giorno meno, abbiamo appreso che Russell Crowe è entrato nel cast di Thor: Love and Thunder, il cinecomic di Taika Waititi con Chris Hemsworth e Natalie Portman. La Marvel e lo stesso Taika Waititi volevano mantenere sorpresa la cosa, ma le numerose foto diffuse via social proprio da Chris Hemsworth e da sua moglie Elsa Pataky nei giorni scorsi, avevano trasformato la presenza della star nella produzione Marvel in un vero e proprio “segreto di Pulcinella”. A quanto pare, quella di Russell Crowe sarà comunque una fugace apparizione.

New Idea, un sito di gossip australiano fonte di questa che è più una curiosità di colore che un’aggiornamento sostanziale, scrive che la star Marvel ammira moltissimo il collega e che i due avrebbero anche ironizzato su un sequel de Il gladiatore.

Una fonte molto vicina all’attore e sua moglie spiega al magazine:

Chris ammira enormemente Russell. Pende dalle sue labbra e Russell l’ha davvero preso sotto alla sua ala protettiva. Lei (Elsa Pataky, ndr.) scherza spesso e volentieri sul fatto che potrebbero sembrare padre e figlio e Russell pensa che Chris potrebbe essere l’unico attore a poter risultare credibile nei panni di suo figlio in un sequel de Il Gladiatore.

Di un Gladiatore 2 si parla da anni e anni anche se, è ormi chiaro, le possibilità di vedere effettivamente un seguito dell’iconica pellicola di Ridley Scott sono alquanto remote. L’anno scorso, durante la promozione stampa di Un giorno sbagliato, Russell Crowe aveva spiegato in un’intervista:

Se stanno avendo conversazioni in materia, si tratta di conversazioni che non mi hanno mai incluso. Non sono sicuro di cosa abbiano in mente. Posso solo dire che, in buona sostanza, stanno parlando delle stesse cose da circa 20 anni […] Non parlo con Doug Wick (uno dei produttori del Gladiatore, ndr.) da molto tempo. L’ultima volta mi raccontò di avere questa grande idea che vedeva Massimo portato via dall’arena per poi essere deposto, ricoperto di olii e unguenti, in questa caverna da cui si accedeva spostando una grande roccia. Poi la roccia si apriva e lui ne usciva. Gli dissi “Doug, non penso che abbiamo i diritti di quella storia”. Ma è una cosa accaduta anni fa e non so se abbia apprezzato il mio senso dell’umorismo.

Cosa ne pensate di un Chris Hemsworth figlio di Russell Crowe in un ipotetico sequel de Il Gladiatore? Ditecelo nei commenti!