Cinefex chiude dopo 40 anni. Ad annunciarlo la stessa rivista, uno dei capisaldi dell’arte degli effetti visivi e del giornalismo cinematografico specializzato, in occasione dell’uscita del numero 172 che sarà l’ultimo a essere stampato.

La causa della chiusura è, purtroppo, la pandemia di Coronavirus e l’impatto che sta avendo sull’industria del cinema, dell’editoria e della pubblicità:

Un anno fa in questo mese, Cinefex celebrava il suo quarantesimo anniversario.

Storicamente, è stato un traguardo che poche riviste riescono a raggiungere, e siamo immensamente orgogliosi di questo risultato e grati a chi ci ha supportato aiutandoci ad arrivare fino a qui.

Poi il mondo si è ribaltato.

Nel giro di poche settimane, la pandemia di Coronavirus ha dilagato nel pianeta, letale e implagabile; e ad oggi la sua marcia inesorabile tra le nazioni, le comunità e le famiglie rimane in gran parte incontrollata.

Il prezzo umano è stato devastante, ma anche quello delle imprese, un numero infinito delle quali hanno dovuto chiudere a causa di problemi economici o di indicazioni governative.

Più di 100,000 di queste imprese, solo negli Stati Uniti, non riapriranno mai più.

Siamo profondamente tristi nell’annunciare che Cinefex sarà una di quelle imprese.

La pandemia ci ha privato degli argomenti di cui parlare, dei punti vendita dove essere distribuiti, e soprattutto di inserzionisti, molti dei quali, come noi, faticano a rimanere a galla in un clima di profonda confusione e incertezza.

Abbiamo fatto del nostro meglio per affrontare la tempesta, ma alla fine la tempesta ha prevalso.

Tenete in mano l’ultimo numero di un magazine che ha documentato e celebrato una delle più vibranti ed entusiasmanti forme d’arte nella storia dell’intrattenimento. È stato un onore e un privilegio realizzarlo.

Vi salutiamo con affetto.

Nel nostro piccolo, anche noi di BadTaste.it dobbiamo molto a Cinefex. Chi scrive ricorda molto bene che uno dei primissimi articoli che provò a tradurre (pieno di tecnicismi!) per il forum di Caltanet dedicato al Signore degli Anelli dove nacque questo sito fu lo speciale di Cinefex dedicato a Gollum. Un’impresa ardua, ma formativa. Proprio negli anni in cui nasceva BadTaste, Cinefex ebbe anche un’edizione italiana: quattro numeri, più tre numeri della sua evoluzione, CineVFX, pubblicati da Imago Edizioni.

L’intera industria nelle ultime ore ha reso omaggio a Cinefex su Twitter: membri stimati della comunità degli effetti visivi e del cinema, molti dei quali hanno iniziato a lavorare nel settore proprio leggendo la rivista.