Dopo giorni di indiscrezioni, ieri sera il governo ha annunciato che dal 6 agosto per tutti i maggiori di 12 anni sarà necessario il Green Pass per poter accedere liberamente a luoghi come cinema, teatri, ristoranti al chiuso, palestre, musei, sagre, congressi, eventi e stadi, bar al chiuso al tavolo (ma non al bancone), piscine, parchi dei divertimenti, centri termali, centri sociali e ricreativi al chiuso, sale gioco / scommesse / bingo / casinò, concorsi pubblici. Ulteriori provvedimenti dovrebbero essere annunciati nelle prossime settimane per i trasporti pubblici e altre attività. Il decreto dovrà ora essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale, e l’annuncio è stato dato con un certo anticipo per permettere a tutti di organizzarsi, il presidente del consiglio Mario Draghi ha poi sottolineato che questi provvedimenti sono necessari per evitare che nel nostro paese si arrivi a una situazione di contagi simile a quella che altri paesi hanno già raggiunto.

Per ottenere il Green Pass è necessario aver ricevuto almeno una dose del vaccino contro il Covid-19, oppure essere risultati negativi a un test (antigenico, molecolare o salivare) effettuato nelle 48 ore precedenti, o ancora essere guariti da almeno sei mesi. Si riceve un sms con il codice authcode da inserire sul sito apposito del governo oppure sulla app Immuni. Sulla app IO compare direttamente.

Per quanto riguarda gli spettacoli, cinema inclusi, il decreto spiega che nonostante l’introduzione dell’obbligo di Green Pass le capienze non cambiano (e permangono le misure antecedenti come l’obbligo di mascherina):

In zona bianca e in zona gialla, gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali o spazi anche all’aperto, sono svolti esclusivamente con posti a sedere preassegnati e a condizione che sia assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, sia per il personale, e l’accesso è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi Covid-19.

In zona bianca, la capienza consentita non può essere superiore al 50 per cento di quella massima autorizzata all’aperto e al 25 per cento al chiuso nel caso di eventi con un numero di spettatori superiore rispettivamente a 5.000 all’aperto e 2.500 al chiuso.

In zona gialla la capienza consentita non può essere superiore al 50 per cento di quella massima autorizzata e il numero massimo di spettatori non può comunque essere superiore a 2.500 per gli spettacoli all’aperto e a 1.000 per gli spettacoli in luoghi chiusi, per ogni singola sala. Le attività devono svolgersi nel rispetto di linee guida adottate.

I titolari o i gestori dei servizi e delle attività autorizzati previa esibizione del Green Pass sono tenuti a verificare che l’accesso a questi servizi e attività avvenga nel rispetto delle prescrizioni, e lo possono fare utilizzando un’app del ministero della salute chiamata VerificaC19, che effettua le scansioni del QR Code dei Green Pass nel rispetto della privacy.

Fonte: Governo