Ecco come James Gunn è stato ingaggiato dalla Warner per Suicide Squad dopo il licenziamento dalla Marvel

james gunn coordinatori di intimità
The Suicide Squad – Missione Suicida di James Gunn uscirà fra un mese circa nei cinema e così gli embarghi sulle set visit fatte dalla stampa americana prima della pandemia sono finalmente scaduti.

In un pezzo pubblicato da ComicBook, il produttore della pellicola, Peter Safran, spiega come la Warner abbia subito approfittato del licenziamento del regista quando la Disney rimosse James Gunn da Guardiani della Galassia Vol 3 a causa del ripescaggio online da parte di alcuni esponenti della destra americana di una serie di vecchi tweet del filmmaker giudicati inopportuni, offensivi, contrari alla policy aziendale della Casa di Topolino (anche se risalenti a quanto il regista non era ancora dipendente della major).

Ecco cos’ha detto:

Penso che lo scherzo a spese della Marvel consista nel fatto che abbiamo ingaggiato James Gunn. È stato licenziato in un venerdì di luglio, il martedì successivo Toby (Emmerich, presidente di Warner Bros. Pictures Group) viene da me e mi dice “Chiama James Gunn e digli che qualsiasi cosa desideri fare con noi alla Warner, noi lo vogliamo”. Insomma, dopo due giorni in pratica. Le discussioni interne sono state molto facili, ci sembrava che James Gunn non meritasse quel trattamento e, in ultima istanza, anche la Disney lo ha capito e ha annullato la decisione presa. La nostra è stata una decisione immediata.

Qualche settimana fa, durante la promozione di Army of the Dead, anche Dave Bautista ha riflettuto sull’accaduto:

All’epoca fu terribile perché venni maltrattato alquanto online e mi ritrovai anche in una posizione scomoda con la Disney, ma per quanto mi riguarda mi pareva di fare la cosa giusta. C’era un amico – qualcuno che si era assunto dei rischi con me cambiando la mia vita – che veniva trattato in maniera ingiusta. Era attaccato ingiustamente e punito senza motivo. Non mi sarei sentito in pace con me stesso se fossi rimasto in silenzio […] Ma era una situazione figlia del clima politico che stavamo vivendo […] Era un attacco personale e politico a James Gunn. Penso che al tempo la Disney abbia esagerato prendendo una decisione affrettata e commettendo un errore. Ma poi hanno fatto la cosa giusta con l’annuncio a gran voce del suo reintegro […] Si sono davvero messi in discussione, cosa che fra l’altro non avevano neanche bisogno di fare. Potevano produrre Guardiani della Galassia 3 facendolo dirigere a qualche altra persona e avrebbero comunque fatto vagonate di quattrini, le persone sarebbero comunque andate al cinema a vederlo. Ma non l’hanno fatto e hanno preferito fare la cosa giusta ammettendo l’errore. Anche questo è un messaggio.

Su The Suicide Squad: Missione suicida:

Dallo sceneggiatore / regista James Gunn, arriva l’avventura d’azione dei supereroi della Warner Bros. Pictures, “The Suicide Squad – Missione Suicida”, con lo schieramento dei delinquenti più degenerati della DC.

Benvenuti all’inferno, cioè a Belle Reve, la prigione con il più alto tasso di mortalità degli Stati Uniti, dove sono rinchiusi i peggiori supercriminali, che faranno di tutto per uscirne – anche unirsi alla super segreta e oscura Task Force X. Il motto del giorno è ‘O la va o la spacca’: si riuniscano una serie di truffatori, tra cui Bloodsport, Peacemaker, Capitan Boomerang, Ratcatcher 2, Savant, King Shark, Blackguard, Javelin e la psicopatica più amata di tutti, Harley Quinn. Quindi si armino pesantemente e si lascino cadere (letteralmente) sulla remota isola di Corto Maltese, piena di nemici. Avventurandosi in una giungla brulicante di avversari militanti e forze di guerriglia, la Squadra sarà coinvolta in una missione di ricerca e distruzione, sotto la guida sul territorio del colonnello Rick Flag… e le direttive degli esperti tecnologici del governo di Amanda Waller nelle orecchie, che seguono ogni loro movimento. E come sempre, ad ogni mossa falsa rischiano la morte (per mano dei loro avversari, di un compagno di squadra o della stessa Waller). A voler scommetterci, la vincita è a loro sfavore – contro ognuno di loro.

Il film è interpretato da Margot Robbie (“Birds of Prey”, “Bombshell – La Voce dello Scandalo”), Idris Elba (“Avengers: Infinity War”), John Cena (l’imminente serie HBO Max “Peacemaker”, “Bumblebee”), Joel Kinnaman (“Suicide Squad”), Jai Courtney (il franchise “Divergent”), Peter Capaldi (“World War Z”, “Doctor Who” della BBC), David Dastmalchian (l’imminente “Dune”, “Ant-Man and the Wasp”), Daniela Melchior (“Parque Mayer”), Michael Rooker (i film “Guardiani della Galassia”), Alice Braga (“Elysium”), Pete Davidson (“Il re di Staten Island”, “Saturday Night Live”), Joaquín Cosio (“Spider-Man: Un nuovo universo”, “Narcos: Messico”), Juan Diego Botto (“The Europeans”), Storm Reid (“L’uomo invisibile”, “Nelle pieghe del tempo”, “Euphoria”), Nathan Fillion (“Guardiani della Galassia”, “The Rookie” in TV), Steve Agee (“L’Angelo del male – Brightburn”, “Guardiani della Galassia Vol 2”), Sean Gunn (i film “Guardiani della Galassia”, e “Avengers”), Mayling Ng (“Wonder Woman”), Flula Borg (“Ralph spacca Internet”), Jennifer Holland (“L’Angelo del male – Brightburn”, l’imminente serie HBO Max “Peacemaker”) e Tinashe Kajese (le serie TV “Valor”, “The Inspectors”), con Sylvester Stallone (i franchise di “Rocky”, “Rambo” e “I Mercenari – The Expendables”) e Viola Davis (“Ma Rainey’s Black Bottom”, “Suicide Squad”).

Gunn (i film “Guardiani della Galassia”) ha diretto il film da una sua sceneggiatura, basata sui personaggi della DC. Il film è prodotto da Charles Roven e Peter Safran, mentre Zack Snyder, Deborah Snyder, Walter Hamada, Chantal Nong Vo, Nikolas Korda e Richard Suckle sono i produttori esecutivi.

La squadra creativa di Gunn include il direttore della fotografia Henry Braham (“Guardiani della Galassia Vol. 2”), la scenografa Beth Mickle (“Captain Marvel”), i montatori Fred Raskin (“Guardiani della Galassia Vol. 2”, “C’era una volta … a Hollywood”) e Christian Wagner (i film “Fast & Furious”), e la costumista nominata all’Oscar Judianna Makovsky (“Guardiani della Galassia Vol. 2”, “Avengers: Endgame”, “Harry Potter e la pietra filosofale”). Musiche di John Murphy (“Kick-Ass”).

Warner Bros. Pictures presenta una produzione Atlas Entertainment / Peter Safran, un film di James Gunn, “The Suicide Squad – Missione Suicida”. Il film sarà distribuito in tutto il mondo dalla Warner Bros. Pictures.

Il film uscirà nelle sale in Italia il prossimo 5 agosto.

Classifiche consigliate

È necessario attenersi alla netiquette, alla community infatti si richiede l’automoderazione: non sono ammessi insulti, commenti off topic, flame. Si prega di segnalare i commenti che violano la netiquette, BAD si riserva di intervenire con la cancellazione o il ban definitivo.