Che Viggo Mortensen si fosse legato moltissimo ai cavalli con cui ha lavorato sul set de Il Signore degli Anelli è cosa nota: ora l’attore ha rivelato che i destrieri sono purtroppo morti.

Intervistato da NME in occasione dell’uscita del suo primo film da regista Falling, l’attore ha raccontato di aver creato un rapporto strettissimo con i cavalli che ha utilizzato per le riprese de Le Due Torri e Il Ritorno del Re, Uraeus (Brego) e Kenny (Hasufel). Quando la produzione è terminata, li ha acquistati assieme a Florian, l’andaluso che interpretava Asfaloth, il cavallo di Arwen ne La compagnia dell’Anello:

In realtà ho comprato tre cavalli, erano stati messi in vendita alla fine delle riprese. C’erano i due che avevo cavalcato – il Sauro e poi il grande Baio di Aragorn – ma ho preso anche il cavallo bianco che cavalca Arwen nella Compagnia dell’Anello, quando viene inseguita nella foresta dai Cavalieri Neri. La persona che fece quella splendida cavalcata era una controfigura con cui ho fatto amicizia. Sapevo quanto amava quel cavallo, così l’ho acquistato per lei. Lui è ancora vivo, ma gli altri due sono morti. Avevano già una certa età all’epoca delle riprese, e cioè vent’anni fa.

Già sapevamo che Uraeus è morto nel 2015. Oggi Jed Brophy, che interpreta Nori nella trilogia de Lo Hobbit, ha aggiornato invece sul destino di un altro cavallo, Seb, che faceva parte sia dell’esercito dei Rohirrim che dei Gondoriani. A quanto pare è vivo e vegeto:

Nell’intervista su NME, Mortensen parla anche di una scena girata e poi tagliata:

Era una scena ambientata all’epoca in cui Aragorn incontrò per la prima volta Arwen. La girammo appena prima di una pausa nelle riprese, quindi mi diedero una bella rasata e ripulita, cercando di farmi sembrare il più giovane possibile. Avevo un taglio di capelli diverso ed ero vestito come un elfo. Era una scena del libro in cui camminavano in questo campo fiorito. Una sequenza splendida, ma non era utile nel film. Non l’ho mai vista, ma è stato bello girarla.

Anche questa scena è nota ai fan: la vedremo nel mega cofanetto 4K dell’esalogia in arrivo l’anno prossimo? Chissà…