La Moglie di Frankenstein: David Koepp condivide nuovi dettagli sulla storia

la Moglie di Frankenstein
Ospite del podcast The Boo Crew (via Bloody Disgusting) lo sceneggiatore David Koepp è tornato a parlare di La Moglie di Frankenstein, rivelando che probabilmente avrà una collocazione più “moderna”:

Ho appena consegnato una bozza [della sceneggiatura] alla Universal, sembra che gli piaccia veramente e stanno parlando con i registi. È diventata la storia di come stiamo estendendo le nostre vite, possiamo creare la vita, possiamo ingannare la morte? Ciò diventa sempre più rilevante nel tempo. [..] L’altra cosa è che non si tratta di una donna creata, ma resuscitata, e alcune persone sentono di avere un diritto di proprietà su di lei, e questo è quasi troppo rilevante nell’era del #metoo.

La moglie di Frankenstein, David Koepp è stato ispirato dall’Uomo Invisibile per la nuova sceneggiatura

In una precedente intervista Koepp aveva dichiarato sul progetto:

È un film a sé dal contorno ben definito. La Universal, come noto, aveva tentato di percorrere una strada fatta di film tutti collegati fra di loro, un progetto che non è decollato e non ha funzionato come da attese. Personalmente sono rimasto molto colpito da come hanno deciso di fermarsi e di dire “Un momento, prendiamoci uno o due anni per ripensare bene il tutto e trovare una nuova maniera per rilanciarlo, vedendo e ascoltando quello che dei filmmaker con dei punti di vista ben definiti hanno da dire”. E il primo film che è davvero stato in grado di ottenere uno straordinario risultato è l’Uomo Invisibile prodotto da Jason Blum, una pellicola ben strutturata e pensata in maniera tale da funzionare come cosa a sé. Ed è stata fatta con un quantitativo molto contenuto di quattrini, una mossa che finisce per regalarti molta libertà creativa. Un progetto che ha fatto capire allo studio che possono adottare questa strategia anche per altre cose. Per cui sì, per La Moglie di Frankenstein ho studiato e imparato molto dall’esperienza dell’Uomo Invisibile. Ho riflettuto sul come poter rendere attuale la storia, raccontandola in un modo che sia audace e possa risultare interessante per il pubblico. Mi sono sentito molto libero e mi piace come è venuta fuori. Vedremo cosa accadrà.

Cosa ne pensate di queste considerazioni di David Koepp su La Moglie di Frankenstein? Ditecelo nei commenti!

Classifiche consigliate

È necessario attenersi alla netiquette, alla community infatti si richiede l’automoderazione: non sono ammessi insulti, commenti off topic, flame. Si prega di segnalare i commenti che violano la netiquette, BAD si riserva di intervenire con la cancellazione o il ban definitivo.