La Universal investirà la bellezza di 400 milioni di dollari per una nuova trilogia dedicata a L’Esorcista, nella quale Ellen Burstyn tornerà nei panni di Chris MacNeil, ruolo che nel 1973 le valse la seconda delle sue sei nomination all’Oscar (ne vinse uno nel 1975 per Alice non abita più qui). David Gordon Green si occuperà della regia della trilogia, che verrà prodotta dalla Blumhouse, per la quale ha già diretto la trilogia sequel di Halloween.

Green aveva già parlato da tempo di questo seguito, anche se non aveva mai svelato si sarebbe trattato di una intera trilogia. Giusto qualche ora fa vi avevamo riportato le sue dichiarazioni più recenti:

L’esorcista è già scritto. Era uno dei miei progetti pandemici. E non è sbagliato dire che si tratterà di un sequel del film originale. Mi piacciono tutti i film della saga. E non mi limito a dire che mi piacciono, penso proprio che possano tranquillamente tutti ricadere nella mitologia di quello che sto facendo. Non sto dicendo “Fate finta che L’esorcista 2 non esista”. Va benissimo, possono esistere tranquillamente tutti e, difatti, a me piacciono tutti. È un’altra epopea a cui è bello poter lavorare e speriamo di partire nel prossimo futuro. Con questo si è trattato di fare un sacco di ricerche e non tanto di buttarsi giù a scrivere in maniera impulsiva. Ho parlato con un sacco di gente. Letto molti libri e fatto una caterva d’interviste. Nell’originale c’era una drammatica autenticità. Più di quella che mi aspettavo mettendomi al lavoro.

L’accordo ricorda molto quello siglato recentemente da Netflix per produrre i due sequel di Knives Out, per i quali ha pagato ben 450 milioni di dollari. In questo caso, la Universal intende sviluppare un progetto che parta dal cinema ma potenzialmente arrivi sulla piattaforma streaming proprietaria Peacock. Il primo film arriverà in sala il 13 ottobre 2023, mentre non ci sono delle date per i sequel, che appunto potrebbero arrivare direttamente in streaming.

“Abbiamo sempre avuto un incredibile rapporto con la Universal, e sono grato a Donna Langley e Jimmy Horowitz per credere nella visione del film di David ed essere in grado di ragionare in termini flessibili a livello di distribuzione, quindi il nostro team si sente veramente supportato per questo film,” ha commentato ufficialmente Jason Blum. “Sono decisi a distribuire i film al cinema, ma vogliono anche portare un franchise entusiasmante come L’Esorcista su peacock. Sono grato di lavorare a questo franchise iconico con David Robinson e Morgan Creek”. È effettivamente una svolta abbastanza ironica il fatto che la Universal investa una simile cifra per delle pellicole della Blumhouse, abituata a budget molto ridotti, ma tali cachet sono legati anche al fatto che lo streaming non può offrire per sua stessa natura i margini di una distribuzione cinematografica, che sono quelli sui quali solitamente punta la casa di produzione di Jason Blum.

Il film originale uscì nel 1973: diretto da William Friedkin venne accolto positivamente dalla critica e dal pubblico, incassando ben 441 milioni di dollari in tutto il mondo e ottenendo 10 nomination agli Oscar – il primo horror a essere nominato come miglior film. La trama seguiva una madre (Burstyn) che ingaggiava due sacerdoti Cattolici per eseguire un esorcismo su sua figlia, una dodicenne posseduta (Linda Blair). La saga proseguì con due sequel trascurabili. Recentemente è stato realizzato un reboot televisivo.

Nel cast del nuovo film ci sarà anche Leslie Odom Jr (Hamilton, Una notte a Miami), il cui personaggio cercherà di rintracciare quello di Ellen Burstyn dopo che suo figlio viene posseduto.

Fonte: New York Times