Per 23 delle 24 categorie degli Oscar, la votazione è piuttosto semplice: i membri dell’Academy scelgono uno dei nominati, il nominato con il maggior numero di voti vince.

Ma c’è una categoria nella quale viene utilizzato un metodo molto complicato, così complicato che diversi iscritti stessi dell’Academy non ne conoscono i meccanismi finendo magari per invalidare la loro scheda: la categoria più importante, quella del Miglior Film, che utilizza il metodo preferenziale.

TheWrap ha compilato una FAQ molto utile, che vi traduciamo in maniera sintetica e che spiega come è finito nella busta il nome del film che verrà annunciato stanotte.

  • Perché si chiama sistema preferenziale?
    Perché, passaggio dopo passaggio, chiede ai membri votanti: quale di questi film preferite? E i votanti devono esprimere mettere un numero che va da 1 a 8 affianco ai nomi degli otto nominati.
  • Come funziona questo sistema?
    L’agenzia che si occupa degli Oscar, PwC, fa quattro pile di schede, basandosi sul film che è arrivato primo in ciascuna scheda. Se un film è arrivato primo in più di metà delle schede, è il vincitore. Ci sono 6.261 membri votanti nell’Academy quest’anno: se votano tutti, serve che un film arrivi a 3.131 voti per vincere. Difficile però che un film vinca al primo passaggio, e cioè che sia il preferito di più di metà dei membri. Quest’anno ci sono tre forti frontrunner, Revenant, Spotlight e La Grande Scommessa, quindi è possibile che i passaggi siano numerosi.
  • Come procedono i passaggi?
    Se non c’è un vincitore alla prima conta, i responsabili guardano le pile di schede degli otto nominati e scartano la più piccola (quella cioè del film meno presente al primo posto delle classifiche dei votanti). Poi riguardano tutte le schede di quella pila, e si concentrano sul secondo film che ha ricevuto il voto più alto, mettendo le schede nelle varie pile. Esempio: se in una scheda il secondo film “preferito” è Mad Max: Fury Road, questa finirà nella pila di chi aveva selezionato il film di George Miller come preferito sin dall’inizio. Le sette pile rimaste, quindi, si arricchiscono anche di “seconde scelte”. A questo punto PwC riconta i voti e controlla se un film ha superato il 50% dei voti. Se nessuno lo fa, si procede con un ulteriore passaggio: la pila con meno voti viene messa da parte, e i film con il voto più alto (escludendo i due film scartati) vanno nelle rispettive pile. Ad ogni passaggio, il film con meno voti viene eliminato e i suoi voti andranno al film con il voto più alto in ciascuna scheda. È come se il sistema continuasse a chiedere: “Quale di questi cinque film preferisci? Quale di questi quattro film preferisci?” ecc.
  • E se uno seleziona semplicemente il proprio film preferito e non mette i film in ordine da 1 a 8 come richiesto?
    La sua scheda non è valida. E purtroppo molto spesso le schede vengono invalidate in questo modo.
  • Il vincitore dell’Oscar sarà sempre il film che aveva il maggior numero di “N. 1” all’inizio del processo?
    Il più delle volte capita proprio così: il film che aveva il maggior numero di “N. 1” (ma non abbastanza per superare il 50%) è anche quello che, nelle schede in cui non era “N. 1”, spesso finisce come “N. 2” o “N. 3”. Ma non è scontato che vada così, un altro film potrebbe superare la soglia del 50% grazie alla ridistribuzione, se per esempio ha un grandissimo numero di “N. 2” o “N. 3” sulle schede, ma pochi “N. 1”.
  • Ma perché utilizzare questo metodo?
    Perché con otto nominati all’Oscar come miglior film, votare semplicemente il film preferito farebbe sì che, teoricamente, un film possa vincere solo con il 15% dei voti. E questo non rappresenterebbe il reale consenso che invece dà il sistema preferenziale continuando a procedere secondo la domanda “Quale tra questi film preferisci?”.
  • È possibile che ci sia un pareggio?
    No. Sono previsti all’interno del sistema preferenziale una serie di spareggi che impediscono che la situazione finisca in stallo.

Non dimenticate di compilare i VOSTRI PRONOSTICI QUI, condividerli, stamparli e confrontarli con i risultati definitivi stanotte durante il nostro live blog!

L’88esima edizione degli Academy Awards, presentata da Chris Rock, si terrà al Dolby Theatre a Hollywood e verrà trasmessa in Italia da TV8 (in chiaro) e Sky Cinema Oscar HD (sul satellite).

Come sempre, noi di BadTaste.it inizieremo il nostro live-blogging in diretta qui sul sito e sui nostri canali social intorno alle 23:00: invitiamo tutti i lettori a seguire e commentare con noi la serata!

Trovate tutte le ultime informazioni sugli Oscar nella nostra sezione speciale.