Il regista di tre capitoli della saga di Jason Bourne e di Captain Phillips, Paul Greengrass, è intervenuto in merito a un tema molto dibattuto: la riapertura e il rientro in carreggiata del mercato del cinema in sala durante la pandemia.

Paul Greengrass si è detto convinto del fatto che i cinema potranno tornare in attività nell’arco di sei mesi, nel corso della prossima estate in buona sostanza: “Penso che potremo tornare al cinema prima del previsto, credo che fra sei mesi potremo tornare in sala”.

Un’opinione, quella del filmmaker, decisamente all’insegna di un ottimismo che, stando agli ultimi aggiornamenti, non pare essere condivisa dalle alte sfere di Hollywood. Poco fa abbiamo riportato un nuovo report di Variety in cui il rinvio di Black Widow viene dato per scontato (LEGGI TUTTI I DETTAGLI), rinvio che si andrebbe ad aggiungere a quello di tutte le principali pellicole previste in sala fino all’inizio del mese di luglio.

Paul Greengrass ha anche commentato il passaggio del suo ultimo film, Notizie dal mondo, dalla sala allo streaming di Netflix. La pellicola, prodotta dalla Universal, è uscita infatti solo nei cinema americani per poi essere ceduta dalla major al colosso di Los Gatos per quel che concerne la release internazionale.

Sì, era stato concepito per il grande schermo. Ma l’industria del cinema sta ovviamente affrontando una grande crisi. Le produzioni sono state interrotte e la maggior parte dei cinema, in tutto il mondo, sono ancora chiusi. Avremmo potuto rimandarlo di un anno, ma non volevo farlo. Mi sembrava un film molto rilevante per la stretta attualità.

Notizie dal mondo di Paul Greengrass sarebbe dovuto arrivare in Italia il 7 gennaio con la Universal, ma è stato acquistato dal colosso dello streaming Netflix che si è aggiudicato la distribuzione internazionale.

Notizie dal mondo è una commovente storia scritta e diretta da Paul Greengrass che per la prima volta torna a lavorare con l’interprete del suo Captain Phillips – Attacco in mare aperto, candidato all’Oscar come miglior film nel 2013.

Cinque anni dopo la fine della Guerra Civile, il Capitano Jefferson Kyle Kidd (Hanks), un veterano di tre conflitti, si sposta di città in città narrando storie vere condividendo con chi lo ascolta vicende di presidenti e regine e racconti di faide gloriose, catastrofi devastanti ed emozionanti avventure vissute in remoti angoli del globo.

Nelle pianure del Texas, il suo percorso incrocia quello di Johanna (Helena Zengel, System Crasher), una ragazzina di dieci anni adottata sei anni prima dai membri della tribù nativa dei Kiowa che l’hanno allevata come una di loro. Johanna, ostile ad un mondo mai conosciuto prima, viene rimandata dagli zii biologici contro la propria volontà.

Kidd acconsente a riportare la bambina là dove la legge stabilisce debba vivere. E nel corso del loro viaggio di centinaia di miglia in un territorio caratterizzato da una natura ostile, i due sono costretti ad affrontare immensi ostacoli sia di natura umana che naturale, mossi entrambi dal desiderio di trovare finalmente un luogo da poter chiamare casa.