Mentre proseguono i lavori di Toy Story 4, Monsters & Co. si prepara a festeggiare i suoi primi 15 anni di vita. Per l’occasione, Entertainment Weekly ha raggiunto Pete Docter, regista delle avventure di Mike Wazowski e James P. “Sulley” Sullivan e membro del team creativo che ha dato vita al mondo di Woody e Buzz.

Dopo il successo di Monsters University, alla domanda se il franchise di Monsters &. Co. vedrà un terzo film il regista ha specificato che, per quanto il progetto non sia in cantiere, le possibilità non sono affatto da escludere:

Mai dire mai, chissà cosa potrà accadere! Abbiamo scelto di proposito di fare un prequel, e non un sequel, come Monster University proprio perché per il momento non intendevamo rispondere a molte delle domande che riguardavano il destino di Boo, il modo in cui sarebbe cresciuta e cose simili. Sarebbe comunque stata una sfida con noi stessi, che è sempre e comunque il punto focale di tutta la nostra produzione di sequel.

Ma, è bene specificarlo ancora, un seguito di Monsters &. Co. non è attualmente nei piani della Pixar. La compagnia, oggi, ha ben tre sequel in fase sviluppo. Per politica aziendale, inoltre, viene dato semaforo verde a un sequel esclusivamente quando è coinvolto, a vario titolo, anche il regista del film precedente. Il film di animazione in cantiere più atteso dal pubblico, attualmente, sembra essere proprio Toy Story 4. Le indiscrezioni parlano di una sorta di reboot, che non approfondirà ulteriormente quanto narrato nella trilogia, ma che racconterà un ramo delle avventure di Woody e Buzz che il pubblico ancora non conosce. Docter, che è nel team di sceneggiatori del film (diretto da John Lasseter con Josh Cooley), ha confermato che sarà raccontata una storia nuova:

È una sfida interessante, perché sappiamo benissimo che a voi non interessa un’altra iterazione di ciò che avete già visto. Siamo davvero intenti a scavare nella profondità di questi personaggi, per trovare qualcosa che non è stato affrontato. Sento che ci siamo. Ma è un vero e proprio lavoro di investigazione.

 

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Fonte: EW