La storia che ha legato Robert Downey Jr all’Universo Cinematografico della Marvel e all’iconico ruolo di Iron Man è durata dal 2008 al 2019, dal primo film dedicato alle avventure di Tony Stark al sacrificio finale per la salvezza dell’Universo di Avengers: Endgame.

E di un eventuale ritorno nei panni di Tony Stark, Robert Downey Jr ha discusso anche in un recente intervento ospitato sulle pagine di GQ in un profilo dedicato a Tom Holland in occasione dell’arrivo nei cinema americani di Cherry, la nuova pellicola dei fratelli Russo.

Il ragionamento della star, parte proprio dalla condivisione di un auspicio sulla carriera del giovane interprete di Peter Parker:

Guarda, Tom non interpreterà Spider-Man quando avrà 37 anni. O, per lo meno, spero di no. Quando lavori all’Universo Cinematografico della Marvel provi come la sensazione di vedere la tua vita che inizia e finisce lì. Ma esiste una vita anche all’infuori di quello e posso confermarlo. Ci sono stato, l’ho fatto, mi hanno già dato quella t-shirt. È buffo. L’altro giorno, ero da qualche parte a Malibu, ho incrociato Keanu Reeves. Mi ha raccontato che aveva da poco finito di girare, ancora una volta, Matrix. Era tornato a occupare quel mondo che aveva già abitato. Gli ho chiesto cosa avesse provato e lui mi fa “Era come essere in Australia”. Quello che voglio dire è che c’è stato uno Spider-Man prima di Tom Holland e ci sarà uno Spider-Man dopo Tom Holland. È un fatto.

Infine, quando l’intervistatore gli chiede circa un ritorno nei panni di Iron Man, Robert Downey Jr ammette:

Beh, per il momento ho dato. Ma mai dire mai.

Cosa ne pensate delle considerazioni di Robert Downey Jr sulla carriera di Tom Holland e su Iron man? Potete dire la vostra, come al solito, nello spazio dei commenti qua sotto!