Se dovessimo basarci sui freddi numeri del budget e del box-office, The Northman, il film vichingo di Robert Eggers (The Witch, The Lighthouse), sarebbe etichettabile come un flop. Con un costo produttivo (P&A escluse) di circa 70 milioni, c’è chi dice anche 90, e un incasso globale di 69.6, la matematica risulta impietosa.

Lo stesso Robert Eggers ha spiegato, tempo fa, che a causa delle performance commerciali di The Northman sarà costretto a rivedere la sua strategia nel momento in cui proporrà un suo nuovo progetto a un qualche studio (ECCO TUTTI I DETTAGLI).

In un’intervista rilasciata un paio di settimane fa da Kiska Higgs, responsabile della produzione e delle acquisizioni di Focus Features, l’etichetta di Comcast e Universal che si è occupata proprio di acquisire e distribuire nelle sale la pellicola, la realtà dei fatti è differente e il film sarebbe anche finito per essere una vittoria dal punto di vista finanziario.

Interpellata sulla riuscita del lungometraggio da parte dell’Hollywood Reporter, Higgs ha spiegato che:

Sì è già parlato di questo argomento, ma in realtà per noi è finito per essere una vittoria dal punto di vista finanziario. C’è stato un set specifico di circostanze relative alla release cinematografica, in aggiunta al PVOD. So che a mezzo stampa non è stato descritto come un successo, ma alla fine per noi è stato Ok. Ci sono delle maniere aggiuntive per monetizzare, per lo meno per noi in Universal. È un film che abbiamo condiviso con New Regency quindi non eravamo davvero in prima linea e troppo esposti in termini produttivi. Ma indubbiamente sono comunque state impartite delle lezioni da una prospettiva creativa anche se, osservandomi indietro, non penso che avremmo fatto nulla di diverso. Perché c’erano troppi… vichinghi su quella barca!

Trovate tutte le notizie e gli approfondimenti sulla pellicola nella nostra scheda del film.

Cosa ne pensate? Se siete iscritti a BadTaste+ potete dire la vostra nello spazio dei commenti qua sotto!

Il film è uscito nei cinema italiani il 21 aprile con Universal.

FONTE: The Hollywood Reporter

Classifiche consigliate