redattore

Gabriele Niola

Di lavoro gioco ai videogiochi e guardo film. È questa la vita che volevo da bambino

«Con il massimo dell'esaltazione per diversità, località e talento, Sneakerentola non modernizza Cenerentola, la stravolge e così perde senso»

«Pedissequo e troppo innamorato del suo soggetto, Navalny è tuttavia un documentario dotato di immagini che nessun altro può vantare»

«Altra faccia della medaglia del primo film, Top Gun: Maverick ribalta l'esaltazione in tepore ma regala una seconda parte fenomenale»

«Con l'aria dell'horror moderno ma anche il forte desiderio di apparire come un B movie anni '80 Firestarter non centra perfettamente gli intenti»

«Come un corpo posseduto da lontano Secret Team 355 fa azione senza crederci mai, senza avere coscienza di cosa serva davvero»

«Con scarso riguardo per ciò che non serve al protagonista, Io e Lulu è il classico veicolo per il proprio attore ma diretto dall'attore stesso»

«Un ponte tra America e Cina ha preso la spirale di decisioni, budget e commissioni più sbagliata e adesso Sansone sembra realizzato nel 1992»