La recensione di Irish Wish, il film con Lindsay Lohan disponibile su Netflix dal 15 marzo

È di nuovo Natale. Almeno su Netflix. Almeno in Irish Wish, che ha esattamente tutte le caratteristiche del peggior cinema natalizio (anche se non si svolge a Natale), quello girato in fretta e furia su un canovaccio per nulla sviluppato, in cui una serie di star più o meno fuori moda e fuori dal giro del cinema che conta sono coinvolte in un’avventura in teoria in grande stile, nella pratica a basso costo. Del resto è scritto dalla sceneggiatrice di In tempo per Natale e Il Natale che ho dimenticato, Natale a Nantucket e Return at Christmas Creek, e diretto dalla regista di Falling For Christmas. Cinema di grandi vedute e grandi aspirazioni, che sogna l’abito bianco, cinema di castelli e auto sportive, nobiltà e donne che lottano per agganciare il ricco ereditiere. Tutto per promuovere “valori tradizionali” (le due parole più belle a Natale) in una cornice che grida riccanza, buona per foto di ...