La recensione di Rebel Moon – Parte 2: la sfregiatrice, il nuovo film diretto da Zack Snyder, disponibile su Netflix dal 19 aprile.

Un critico dovrebbe capire quando è sconfitto. Ad oggi chi scrive non è convinto che il primo Rebel Moon meritasse il linciaggio ricevuto all’uscita su Netflix. Sì i difetti erano evidenti, a partire dal senso di derivatività dell’intera operazione (quasi uno spin-off non ufficiale di Star Wars), eppure il risultato ci era parso meno malvagio di quanto si dica. Tirare fuori il reclutamento di guerrieri in stile I sette samurai poteva non essere l’idea più originale del mondo; ma dava al materiale narrativo una certa varietà e propulsività, permettendo a Zack Snyder di dosare il suo inconfondibile stile di regia e lasciar respirare più del solito lo spettatore. Rebel Moon – Parte 2 però rischia di mettere a tacere anche i pochi difensori del primo capitolo.

Lasciamo stare le questioni di originalità. Il punto quando si parla di Snyder è sempre lui. Quello ...