Thunderbolts, la storia del supergruppo di villain targati Marvel

Thunderbolts Marvel

Coloro che seguono il Marvel Cinematic Universe da diverso tempo si saranno certamente accorti che qualcosa si sta muovendo nell’ombra. Sia in Black Widow che nella serie TV The Falcon & The Winter Soldier abbiamo visto la Contessa Valentina Allegra de Fontaine (Julia Louis-Dreyfus) muoversi di soppiatto, reclutando nuovi alleati. Se siete appassionati delle storie a fumetti della Casa delle Idee, è inevitabile che la parola “Thunderbolts” vi sia già rimbalzata per la testa.

Ma chi sono i Thunderbolts? Da dove provengono? E, soprattutto, perché ne stiamo parlando oggi?

LE ORIGINI DEl SUPERGRUPPO DI VILLAIN TARGATI MARVEL

Creati da Kurt Busiek nel 1997 sulle pagine della serie regolare di Hulk, i Thunderbolts non sono altro che una versione distorta dei ben più famosi Avengers. Il team, all’epoca capeggiato dal Barone Zemo, era inizialmente composto da Scarabeo, Moonstone, Mimi Spaventia e Fixer. Questo gruppo avrebbe dovuto dare vita ai nuovi Signori del Male, un team nato con lo scopo di sconfiggere i Vendicatori. Vennero però anticipati da Onslaught, che uccise apparentemente gran parte dei supereroi dell’Universo Marvel.

Cogliendo la palla al balzo, Zemo fece cambiare identità ai suoi alleati, dando vita a un gruppo di nuovi eroi. Scarabeo divenne Mach-1, Fixer mutò in Techno, Mimi in Songbird e Moonstone si fece chiamare Meteorite. A questi si aggiunse Golia, prendendo il nome di Atlas. Fingendosi salvatori del popolo, questi Thunderbolts commisero atti nobili, ma spesso con intenzioni malvagie. Il “problema”, però, è che alcuni membri del team cominciarono ad apprezzare questa loro nuova vita. Un apprezzamento che, lentamente, li convinse a comportarsi in tutto e per tutto da supereroi.

LA SECONDA ITERAZIONE DEL TEAM

Durante la Guerra Civile i Thunderbolts vengono ricostruiti da Reed Richards per catturare gli eroi che si oppongono alle leggi di registrazione. La formazione del gruppo non può certo dirsi definitiva, perché due suoi membri (Jack Lanterna e Jester) vengono uccisi dal Punitore, mentre altri (Lady Deathstrike e Taskmaster) vengono gettati nella Zona Negativa al termine del conflitto tra i supereroi.

Subito dopo Civil War, però, Norman Osborn sale al potere e mette ordine in un gruppo ormai allo sbando. Ecco che fanno il loro ritorno Moonstone e Songbird, accompagnate però da Venom (Mac Gargan), dall’Uomo Radioattivo, Bullseye, Penance e dallo Spadaccino. Un team al 100% composto da criminali, mai così efferati come in queste storie e nelle run successive a Secret Invasion.

ALTRI TENTATIVI DI REPLICARE IL SUCCESSO DEI THUNDERBOLTS

Negli ultimi anni la Casa delle Idee ha provato più volte a svecchiare il team di super criminali, ma senza mai riuscirci davvero. Ci provarono durante Assedio, durante l’Età degli Eroi (con Luke Cage a capo dei vari villain) e persino nel periodo MARVEL NOW, dove Thaddeus Ross (Hulk Rosso) si alleò con Deadpool, Elektra, Venom (Flash Thompson), il Punitore, il Capo e Ghost Rider. Nonostante qualche buon momento, nessuna di queste avventure è riuscita a replicare la magia delle prime storie o di quelle risalenti alla “gestione” del gruppo da parte di Goblin.

Le cose, però, potrebbero finalmente cambiare. A breve verrà pubblicato il primo numero di una nuova saga che vede Occhio di Falco collaborare con Spectrum, America Chavez, Power Man, Persuasion e Gutsen Glory per rimettere in ordine la città di New York. Scritta da Jim Zub e disegnata da Sean Izaakse, questa saga ha senza dubbio del gran potenziale, ma sembra comunque lontana dalle tinte cupe che ci si potrebbe aspettare da una storia sui Thunderbolts. 

IL PROGETTO THUNDERBOLTS NEL MARVEL CINEMATIC UNIVERSE

Se vi chiedete il motivo di questo articolo, è presto detto: Deadline ha recentemente riportato in esclusiva che i Marvel Studios stanno lavorando a un film corale con protagonista un team di villain. Alla regia troveremo Jake Schreier, mentre la sceneggiatura sarà scritta da Eric Pearson, già autore della pellicola dedicata a Black Widow. 

Secondo la rivista potremo quindi rivedere il Barone Zemo, Yelena Belova, Taskmaster, Abominio, US Agent e il Soldato d’Inverno. Probabilmente ci sarebbe dovuto essere spazio anche per l’Hulk Rosso, ma William Hurt è recentemente scomparso, vanificando questa possibilità. Il nostro sogno rimane quello di poter fare la conoscenza anche del Norman Osborn del Marvel Cinematic Universe, ma ci rendiamo conto che probabilmente è ancora troppo presto.

E voi che ne pensate? Conoscevate i Thunderbolts, oppure non li avete mai sentiti nominare? Fatecelo sapere con un commento qui sotto o, se preferite, attraverso le pagine social di BadTaste.it.

I film e le serie imperdibili

APPROFONDIMENTI SUI MARVEL STUDIOS

Classifiche consigliate

È necessario attenersi alla netiquette, alla community infatti si richiede l’automoderazione: non sono ammessi insulti, commenti off topic, flame. Si prega di segnalare i commenti che violano la netiquette, BAD si riserva di intervenire con la cancellazione o il ban definitivo.