Il prossimo novembre la Marvel celebrerà il sessantesimo anniversario dei Fantastici Quattro con diverse pubblicazioni: tra queste c’è Fantastic Four Anniversary Tribute, un volume che conterrà il primo episodio della serie e la storia del matrimonio tra Reed e Sue, interamente ridisegnati da una cinquantina di autori provenienti da tutto il mondo. All’interno del team creativo ci sono ben dieci disegnatori italiani, segno di quanto i nostri artisti siano ormai fondamentali all’interno della Casa delle Idee… ma tra questi c’è un nome di spicco che finora non aveva ancora realizzato un fumetto americano Marvel: Leo Ortolani!

L’autore ha commentato l’annuncio sui suoi profili social:

 

Eh, 60 anni non capitano tutti i giorni.
Ed era il 1961 quando uscì il primo numero dei FANTASTIC FOUR.

Per l’occasione, alla Marvel hanno deciso di chiamare 50 autori da ogni parte del mondo per ricreare due numeri dei F4, il primo e lo specialone con il matrimonio di Reed Richards e Susan Storm.
Sono stato portato a bordo dei festeggiamenti da Tom Breevort e spero che il mio piccolo contributo possa piacere.

Cosa farò?
Top secret.

 

Leo Ortolani

 

Senza dubbio è un importante traguardo per Ortolani, che ha sottolineato più volte quanto i Fantastici Quattro di Lee/Kirby siano stati importanti nella sua carriera di lettore e autore di fumetti. Nella prima metà degli anni ’90 il fumettista aveva realizzato quattro numeri alternativi dei Fantastici Quattro, proseguendo la storia da dove Kirby aveva lasciato la serie e immaginando un ipotetico finale. Proprio queste storie l’anno scorso sono state notate da Tom Brevoort, che le ha elogiate pubblicamente; l’editor americano non si è lasciato sfuggire l’occasione di chiamare Ortolani per coinvolgerlo in questo importante anniversario, come l’autore ci aveva suggerito in modo sibillino.

 

 

Leo Ortolani aveva già avuto altri contatti con la Marvel, anche se sempre indirettamente. Nel periodo in cui ha iniziato la pubblicazione di Rat-Man Collection, sotto il marchio Marvel Italia, il super-eroe con le orecchie da topo aveva potuto incontrare Spider-Man, Wolverine, Dottor Destino, Elektra, il Punitore e Capitan America, anche se queste apparizioni sono poi state “corrette” nelle successive ristampe per non incappare in problemi di diritti. All’epoca l’autore aveva realizzato diverse vignette con i personaggi Marvel, proposte all’interno della rivista Wiz; in seguito ha disegnato anche una variant cover di Capitan America, proposta da Panini esclusivamente per il mercato italiano.

Ortolani ha dimostrato di conoscere più che bene i personaggi Marvel, in particolare i Fantastici Quattro; ci auguriamo quindi che questo omaggio celebrativo possa essere solo l’inizio di una ricca collaborazione con la casa editrice americana.

 

 

Fonte: Leo Ortolani