I bambini.

In questa storia molto ordinaria di una donna che sta per sposarsi e sempre di più si rende conto che l’uomo con cui dovrebbe farlo è un coacervo di egoismo e mentalità retrograda (a vederlo ci si chiede come sia possibile che se ne accorga ora), mentre stringe un legame più forte con un collega professore elementare come lei, si inseriscono i bambini della scuola in cui i due lavorano.

Così una struttura abbastanza convenzionale con l’aggiunta dell’elemento delicatissimo “bambini” è iniettata di una forma di dolcezza ipercalorica e posticcia, molto simile all’idea che tutti abbiamo della dolcezza e poco capace di rappresentare questo sentimento per come lo si incontra nella vita.

Non c’è infatti niente di più bieco dell’uso spregiudicato dei bambini teneri al cinema (o in televisione) e Anche Senza di Te affianca il nascere di un amore a continue spallate al bene dei bambini, ai loro sguardi teneri e alle piccole frasi di dolce assurdità. Quanto peggio lo fa con una direzione degli attori terribile a cui si affianca la recitazione flebile di suo dei suddetti bambini. Tutti in questo film, anche i più esperti e affidabili caratteristi come Lele Vannoli e a ruota i protagonisti Nicolas Vaporidis e Myriam Catania, recitano al di sotto del loro standard, in una catena di enfasi sbagliate, toni sballati e totale falsità che sembra quasi impossibile.

È quindi con queste premesse che in un film privo di genere (non veramente una commedia, non realmente un dramma) viene anche inserita tutta una sottotrama forte e chiara sui metodi di insegnamento ai bambini, sui genitori gretti che pretendono dati, informazioni, nozioni e lezioni standard contro professori che cercano di educare ai sentimenti. Si potrebbe sorvolare su tutta questa parte di pedagogia se il film non ci insistesse così tanto e se non fosse pronto a far dire a genitori indignati frasi come: “Dovete smetterla con queste nuove tecniche d’insegnamento! Mio figlio ora mi risponde, fa domande, addirittura vuole ballare e cantare!”.

Non bastava infatti aver scritto una storia mediamente banale con l’aggravante da ergastolo della dichiarazione da parte di ogni personaggio dei propri sentimenti e delle proprie intenzioni, Anche Senza di Te (scritto dallo stesso regista Francesco Bonelli assieme a Valentina Mezzacapa, Claudio Dedola e Sara Perrucci) aggiunge un ulteriore strato di melassa e faccette tristi di bimbi. Non bastava una backstory del protagonista con morte della moglie e vita assieme al tenero padre di lei, non bastavano le notti a guardare le stelle in cielo, ci volevano anche i bambini con gli sfoghi sulla pelle e i problemi di stress da curare e amare.