Film come Autobahn si vedono sempre di meno e di contro quelle poche volte che si vedono suonano come vestigia di un’altra epoca del cinema. Non ci sono quasi più film d’azione simili, in cui un eroe poco potente, ma anzi dimesso e disperato lotta per l’incolumità di una donna che è un motore angelico, nulla fa se non apparire desiderabile e ideale, simboleggiare (con tutta la propria forza) un futuro di pace e armonia, di equilibrio e fine dei problemi. Il motivo è che ci siamo emancipati da questo tipo di maschilismo e anche nel cinema d’azione siamo arrivati all’esigenza, di avere personaggi femminili o inneschi di trama che vadano più in là di una ragazza legata ai binari in attesa che qualcuno arrivi prima del treno.

In questo caso i binari cui è legata Felicity Jones tinta di biondo (perché sono americani in trasferta in Germania, conosciuti in un rave party, o almeno così chiamano quella che sembra una normale discoteca) sono quelli della malattia: ha bisogno di un fegato nuovo, l’operazione costa e invece di struggersi come si farebbe in un melò, il genere in cui protagonisti sono la donna e i suoi sentimenti, lui decide di tornare alla vecchia professione, il ladro, e accetta un lavoro rischiosissimo: derubare un potente boss per conto di uno un filo meno potente. Va subito detto che la scelta di avere nel ruolo del primo Anthony Hopkins e la sua flemma aristocratica e in quello del secondo Ben Kingsley e la sua consueta voglia di esagerare in espressionismo, paga e molto. Per quanto sia difficile crederlo la maniera in cui stavolta incorporano ognuno il proprio stereotipo è effettivamente funzionale ad una scrittura parca ma sempre centrata.

Dunque da metà in poi Autobahn dismette i panni del cinema romantico e iniziare a guadagnarsi il proprio titolo. Dopo il colpo parte la folle corsa nell’autostrada tedesca (quella senza i limiti di velocità) con 5 milioni di euro in un sacco e tantissima gente molto armata alle calcagna. A testimoniare quanto in fondo siano simili i film che puntano su un’attrattiva di gender qui i cambi d’auto sono tanti e tanto centrali quanto possono esserlo i cambi di scarpe in 50 Sfumature di Nero. Utilitarie, auto sportive, cabriolet e camion, Nicholas Hoult le guida tutte per poter scappare con dovizia di sgommate, testacoda e sportellate ma, vale la pena ripeterlo, senza mai sconfinare nel territorio dell’action hero.

Non solo dunque Eran Creevy è molto bravo a sbrigare in fretta i tantissimi inseguimenti e infarcirli di così tanti eventi da non far pesare la loro lunghezza, ma dà al suo protagonista un tono così antieroico e fortuito, lo rende così ordinario e capace di cavarsela grazie ad una disperazione tangibile (complice il physique du role dell’innamorato senza un domani con gli occhi da cane bastonato di Hoult), che non solo si crede allo spunto avventuroso e non ci si cura delle infinite implausibili iperboli, ma addirittura si scorge anche un certo fascino in questa furia romantica postadolescenziale, la più classica delle corse a perdifiato contro tutto e tutti, contro un mondo cattivo, alla rincorsa della propria ragazza.