Il teaser poster di Box Office 3DC'è una cosa da dire subito: Ezio Greggio faceva questi film prima che la banda Scary Movie iniziasse a fare i suoi. Cioè già con Il silenzio dei prosciutti cominciava a fare delle parodie che partivano dall'idea di Mel Brooks (suo amico nonchè nume tutelare, indebitamente citato senza nessuna possibilità di avvicinamento) per sfociare in un caos disorganizzato di gag semplici e poco ricercate che accumulano stereotipi da generi e film diversi. Di questo gli va dato atto e nessuno glielo potrà mai levare. Box Office 3D è così, senza nemmeno cercare una trama lineare che unisca le storie.

L'idea forse è di trovarsi di fronte ad una serie di trailer, spezzoni da circa 20 minuti che di volta in volta fanno un riassunto delle trame parodiate di film come Il Codice Da Vinci, Il Gladiatore, Harry Potter, Grease, U571, Il Padrino, Avatar o Zorro. Ogni volta con un titolo diverso in forma parodica (Viagratar, Eri Sfotter e via dicendo). Per durata, stile e trascuratezza tutto sembra ricordare quegli inserti parodici che contrappuntavano le gag del Drive In.

Il teaser poster di Box Office 3DInutile dire che si ride molto poco, ma molto molto poco [quasi niente], più interessante invece notare come Greggio cerchi verso la fine una morale, cioè un senso e un ordine che trasmettano una specie di messaggio. Nel suo furore, che va anche oltre il concetto di metacinematografico (personaggi che sanno di stare in un film che parodia altri film), verso la fine cita anche Mezzogiorno e mezzo di fuoco con i personaggi di una parodia (quella di Harry Potter) che escono dal proprio set finendo in un altro (quello del Padrino) e alla fine il regista stesso, cioè Greggio, compare in scena annunciandosi come tale per affermare la supremazia del cinema e andare via con Gina Lollobrigida (sic!) tra gli applausi. Una scena che lascia di stucco davvero. E non di meraviglia.

Se Box Office 3D per i film che cita (Avatar a parte) sembra frutto di una sceneggiatura tenuta nel cassetto per dieci anni, se la collaborazione alla sceneggiatura di Brizzi e Martani (già penne di molti cinepanettoni) regala maschilismo senza remore a piene mani e se infine le gag, anche quando talmente demenziali da risultare quasi divertenti, sono ammazzate ad un ritmo lentissimo, non c'è proprio speranza nemmeno di un divertimento alle spalle degli autori. Peccato.

Superfluo un commento sulla qualità del 3D di questo che dovrebbe essere il primo film italiano girato in stereoscopia uscito al cinema. Basti sapere che, nelle scene in cui gli oggetti dovrebbero uscire dallo schermo, questi finiscono per non uscire assolutamente dallo schermo.