È il testamento a un ottimo B movie questo sequel che già inizia male, con una sequenza confusa impreziosita da dialoghi assurdi, e finirà anche peggio, in una lunga serie di buone regole infrante senza saperlo fare con classe. Escape Plan era stato il primo vero duetto tra Stallone e Schwarzenegger (l’ammucchiata di I Mercenari davvero non conta) e contro ogni previsione era stato un godibilissimo film dalla sceneggiatura sottile e i personaggi ben disegnati. Il sequel non conserva niente di quell’esperienza, non ne ha il gioco fino sul genere del cinema d’evasione, non ha ne nemmeno i medesimi personaggi, perché anche gli unici a tornare (l’esperto di prigioni Stallone e il suo socio 50 Cent) sembrano altri.

Con uno standard di messa in scena degno dei telefilm e un’azione montata così male da far venire voglia di uscire dalla sala, Escape Plan 2 è il tipico caso di “sindrome cinese”, cioè la mondializzazione forzata di un film per aprirgli la strada orientale. Con l’ingresso di capitali cinesi, arrivano nuovi personaggi (e non sarebbe un male) ma anche un cambio radicale di interazioni, valori e spirito. Escape Plan 2 cresce in spettacolarità per adeguarsi agli standard asiatici ma senza la vera capacità di farlo. Con il cervello di un bambino e l’esigenza atletica di un adulto il film affidato improvvidamente al regista di Silent Night (Steven C. Miller) e pensato per una trilogia passa tantissimo tempo a mettere in scena pretestuosi combattimenti ma pur avendo a sua disposizione discreti atleti li monta così tanto e così male da renderli incomprensibili e ancora più inutili di quanto non siano sulla sceneggiatura. A nessuno interessa costruire un climax, preparare dell’azione o cucinare a fuoco lento la tensione, serve tutto e subito, nella convinzione che importino poco le cause, solo gli effetti.

Con Stallone tenuto a lungo nello sfondo nel ruolo di mentore e solo nel finale coinvolto in prima persona e Dave Bautista totalmente dimenticato, nonostante l’ingannevole preminenza nella locandina, il film è lasciato in realtà in mano a Huang Xiaoming e Jaime King. Viene inoltre creata una mitologia intorno alla terribile prigione di questo film, una che crea dei vertici e un direttore (figura intelligentemente assente nel primo film). La grande trappola che pare un’astronave è gestita senza nessuna logica con ovvio sadismo ma poca ragionevolezza, sembra pensata proprio perché qualcuno possa tentare di scappare.

L’unica cosa peggiore di questo film è l’idea che ne verrà fatto un altro.

Consigliati dalla redazione