Che Jason Segel avesse una vera e propria attrazione verso le marionette, si era già capito dall'esilarante musical di Dracula visibile nel finale di Non Mi Scaricare (Forgetting Sarah Marshall), l'esilarante commedia diretta da Nicolas Stoller.

E proprio insieme al suo partner artistico, la star di How I Met Your Mother è riuscito a coinvincere la Disney a rispolverare un piccolo pezzo di storia del cinema e della televisione riportando cl cinema la squadra dei Muppet.

L'operazione che aveva tutte le carte e i crismi per essere etichettata come “folle” dato che le creature di Jim Henson erano lontane dai cinema da ben 12 anni. Eppure, l'approccio genuino, sincero e pieno di affetto dimostrato da Jason segel, Nicholas Stoller e dal regista James Bobin, misto a delle iniziative di marketing davvero azzeccate, hanno decretato il successo internazionale del lungometraggio, garantendo la possibilità di un sequel già confermato.

In Italia purtroppo, vuoi per la scelta di una finestra di distribuzione non particolarmente felice, vuoi per la condizione climatica che ha afflitto mezzo stivale a febbraio, proprio mentre I Muppet esordivano nei cinema, la pellicola si è dimostrata un insuccesso. Un insuccesso davvero non meritato cui può essere posto rimedio grazie all'arrivo in home video dei Muppet.

Il poster italiano dei muppetIl film è approdato nei negozi il 30 maggio distribuito dalla Walt Disney Studios Home Entertainment. La confezione del Blu-ray Disc su cui si basa la nostra analisi è arricchita da una sovracopertina slipcase in cartone; all'interno di essa è presente l'immancabile cedolino per scaricare la copia digitale del film, compatibile sia con Windows che con MacOs.

Il transfer video 1080p con ecoding AVC farà brillare di gioia i vostri occhi. Il quadro visivo è meraviglioso e le texture sono rese in maniera esemplare. La grana ha un livello di dettaglio tale che potremo contare con accuratezza scientifica i pori della pelle dei protagonisti (e anche dei nei nel caso di Jason Segel) ed osservare con estrema precisione tutti i particolari della stoffa e dei materiali con cui sono realizzati i pupazzi che battezzano la pellicola. Non s'intravedono cedimenti neanche nei frangenti ambientati nel teatro dei Mupept, caratterizzati da una maggiore scurezza ambientale. Il livello dei neri è sempre ottimo, così come la palette cromatica, capace di spaziare con grazia dai toni più accesi dei Muppet a quelli più naturali degli attori in carne e ossa.

L'audio italiano, in DTS-HD HR 7.1 è esplosivo, allo stesso, altissimo livello qualitativo del versante video. I dialoghi sono limpidi, così come le voci, spesso bizzarre se non addirittura sconfinanti nell'ambito del “verso strambo”, dei Muppet, mentre il coinvolgimenti spaziale è garantito da un surround letteralmente esplosivo e dinamico.

Passando al capitolo extra abbiamo:

  • La sequenza d'errori più lunga mai fatta (nella storia dei Muppet): un montaggio di papere

  • Cantando il male, canzone completa di Tex Richman: la versione integrale del brano cantato da Chris Cooper, nettamente migliore della versione “tronca” presente nel film.
  • Scene Eliminate: otto scene eliminate.
  • Trailer Parodia: la raccolta dei trailer-parodia che ci hanno allietato durante la promozione della pellicola ("Rise of the Muppets," "Never" "Green with Envy," "The Fuzzy Pack," "Being Green," "The Piggy with the Froggy Tattoo" and "Green with Envy, the Spoof Spoof Trailer.").
  • Commento audio di Jason Segel, Nic Stoller e James Bobin
  • Grattando in superficie, un'analisi affrettata del making of dei Muppet: un dietro le quinte in puro stile Muppet. Ironico, divertente e ricco di nonsense.

Conclusioni

La riuscita operazione del duo Segel/Bobin che, con l'aggiunta del regista James Bobin, ha ripostato i Muppet nei cinema, non ha ricevuto in Italia la giusta attenzione che meritava. L'arrivo in Blu-Ray della pellicola è un modo più che utile per lasciarsi trasportare nel variopinto e assurdo mondo dei personaggi nati da quel genio, da tempo scomparso, di nome Jim Henson. L'offerta home video della Disney è impeccabile dal punto di vista tecnico, mentre avremmo gradito qualche parola in più circa gli aspetti produttivi del lungometraggio.