Dati Tecnici

 

Video: AVC, 1080/24p, 1.78:1
Audio:
5.1 Dolby Digital: Italiano Francese Spagnolo Tedesco Catalano
5.1 DTS HD Master Audio: Inglese
Sottotitoli: Italiano NU Inglese NU Francese Spagnolo Tedesco NU Finlandese Danese Norvegese Olandese Svedese
1 disco 25gb
Digital Copy
Region free
Amaray
Prodotto e distribuito da Warner Bros.
Edizione ITALIANA disponibile nei seguneti paesi: IT, DE, FR, SP, UK.

 

Film

Viaggio nell'Isola Misteriosa è un film diretto dal regista Brad Peyton, liberamente ispirato sul romanzo L'isola Misteriosa di Jules Verne ed è il seguito di Viaggio al centro della Terra 3D. Dopo le peripezie al centro della Terra, Sean ora è un adolescente irrequieto di diciassette anni, in piena fase di ribellione e con un rapporto di odio verso il nuovo marito di sua madre Hank. Captando un messaggio in codice, Sean con l'aiuto di Hank, lo decifra scoprendo che lo manda suo nonno Alexander, esperto avventuriero e appassionato di Verne, invitando suo nipote a raggiungerlo nell'isola misteriosa descritta da molti autori come lo stesso Verne. Il poster di Journey 2 - The Mysterious Island 3DSean ed Hank si metteranno quindi in viaggio verso l'isola, vivendo un'incredibile serie di avventure che li avvicineranno come mai prima d'ora stabilendo quel legame padre – figlio che da tempo il ragazzo aveva perduto. Del film originale, solo John Hutcherson ritorna, diventando automaticamente il protagonista assoluto di tutto il franchise. Il cast di questo film annovera comunque aggiunte importanti come Dwayne Johnson, l'uomo salva franchise per eccellenza, nel ruolo di Hank e niente meno che Michael Caine nel ruolo del nonno Alexander. La pellicola segue pedissequamente lo schema lanciato dal film originale, che tutto sembra meno che un film: i nostri eroi passano dentro un uragano per poi essere inseguiti da una lucertola mastodontica, cavalcano api giganti mentre sono inseguiti da dei colibrì ancora più grossi, fino a una fuga rocambolesca a bordo del Nautilus del capitano Nemo, con tanto di Michael Caine che funge da deus ex machina che tutto sa e guida i personaggi in questa specie di parco dei divertimenti nel segno della più totale insensatezza generale. Il prodotto è chiaramente rivolto a un pubblico infantile con genitori al seguito, con una trama assolutamente lineare, abbondanza di sequenze didascaliche e innocue, con un'estetica colorata, videogiocosa e infiocchettata tanto rassicurante per il bambino quanto irritante per l'adulto che lo accompagna. Lo stesso umorismo con cui è farcito il film è di quello fisico, di grana grossa, dove Luis Guzmàn, noto caratterista, si becca le peggio umiliazioni possibili nello sguazzare nei liquidi organici più disparati. Un esempio su tutt, Dwayne Johnson che insegna la danza dei pettorali al figlioccio Sean, grande segreto per attirare le donne a quanto pare. Viaggio nell'Isola misteriosa è dunque un prodotto che divertirà sicuramente i più piccoli nei novantaquattro minuti necessari per il completamento del tour intorno all'isola.

Video

Viaggio nell'Isola Misteriosa giunge infine nel mercato home video in alta definizione Blu Ray in due edizioni distinte: la prima è una edizione a disco singolo che contiene la versione 2D del film in alta definizione insieme ai contenuti speciali, a cui si aggiunge anche un codice per scaricare la copia digitale del film dal sito della Warner Bros. La seconda invece, al contenuto appena citato, aggiunge un disco extra con la copia 3D del film in alta definizione. Entrambe le edizioni sono contenute in confezioni amaray. Questo articolo si basa sulla versione 2D, quindi eventuali commenti sulla bontà dell'effetto stereoscopico non verranno affrontati in questa sede. Questo film ben si presta a mostrare le meraviglie tecniche dell'alta definizione tanto che l'appellativo di “tech demo” mai come adesso si sposa incredibilmente bene. Un merito che va senza dubbio a un girato interamente in digitale a 1.9K realizzato dalla Sony Cinealta F35 che offre quella precisione del dettaglio assoluta impossibile da replicare dalle controparti in pellicola. E infatti uno dei tanti punti di forza è offerto dalla strabiliante texturizzazione dove non solo ogni poro della pelle è visibile, ma anche la trama dei vestiti e ogni singola foglia presente nella vegetazione dell'isola, tutto riprodotto ed esaltato nella migliore definizione possibile, anche nelle più basse frequenze, superando abbondantemente il concetto di solidità, bucando letteralmente lo schermo. Tale definizione si estende anche nelle eccezionali panoramiche sull'isola, dove tutti gli elementi, anche negli sfondi più lontani, sono sempre visibili e perfettamente distinguibili, eccezione fatta per la sequenza sottomarina in cui Hank deve arpionare un'anguilla gigante: in quel caso, per ovvi motivi, la definizione scema di molto. Ma le meraviglie non finiscono certo qui: si aggiunge quindi una gamma cromatica molto carica e brillante, fatta di tinte radiose che esalteranno qualsiasi pannello in cui proietterete il film, ma soprattutto è il contrasto a dare quel tocco di eccezionale profondità, tra i migliori neri che avrete modo di vedere, in cui non solo le scene diurne mostrano quella tridimensionalità tanto ricercata dagli appassionati dell'home video, ma anche i segmenti notturni sono eccezionalmente luminosi quanto profondi.

Se proprio dovessimo trovare un difetto, che non c'è, si potrebbe tirare in ballo una leggera rumorosità sabbiosa digitale nelle frequenze più basse, caratteristica tipica della Cinealta F35, così come l'interpolazione fluida dei movimenti che da quel tipico effetto scia che è tra le cose meno cinematografiche che esistano ed è forse questo il problema di fondo: l'impatto con il quadro si dimostra superbo nel lato puramente tecnico, ma decisamente mortificante da quello artistico, ben lontano dalle meraviglie estetiche viste di recente in John Carter. Tutta l'estetica del film appare fittizia, artificiale, di consistenza plastica tanto che il confine che lo separa da un qualsiasi prodotto di animazione CGI è molto sottile. Al di là di considerazioni che toccano il gusto personale del singolo, Viaggio nell'Isola Misteriosa è tra i migliori video che si possano trovare, una delle massime espressioni tecniche riportata fedelmente grazie ad una compressione in AVC come sempre invisibile. Anche questo prodotto, come l'ultimo Sherlock Holmes, presenta il menù unicamente in lingua inglese che a questo punto immaginiamo diventerà la normalità da adesso in avanti.

Audio

Come da prassi imperitura, la Warner Bros mixa tutte le traccie audio in 5.1 canali ed encoda quelle doppiate in Dolby Digital a 640 kbps, mentre l'inglese originale in DTS HD Master Audio. Purtroppo, spiace dirlo, tale mole tecnica rappresentata dal video non è sorretta da una traccia audio adeguata, quanto meno non in italiano e a questo punto, non essendo la prima volta per Warner, iniziamo a pensare che sia sintomatico del missaggio del doppiaggio di partenza. La traccia presenta problemi di dinamica praticamente ovunque, con bassi e alti piuttosto flebili, come se fossero sotto anestesia, diminuendo non poco l'alto tasso di spettacolarità delle scene d'azione, anche se comunque la direzionalità e la separazione dei canali è nella norma degli standard a cui siamo abituati. Altro grave problema proviene dai vocalizzi, dove le medie frequenze sono piuttosto sporche da deflessioni metalliche piuttosto fastidiose, anche se non inficiano sulla intelligibilità dei dialoghi. Un risultato che diventa ancora più evidente e non è certo colpa dell'efficienza del Dolby Digital. Il risultato è comunque nel minimo sindacale degli standard e all'ascolto è comunque piacevole, ma in confronto la traccia in inglese è netta e va a sopperire tutte le problematiche della nostra, con una dinamica scoppiettante e bassi intensi.

Extra

Il bagaglio extra, come gran parte delle ultime uscite Warner, appare esiguo e di scarso interesse. Va detto che questo prodotto è indirizzato direttamente ai bambini e quindi la scelta è probabilmente indicativa del target, che non è ben disposto a perderci troppo tempo dietro a questo comparto, più che una mancanza negligente da parte dell'editore. Al di là di ciò, il grosso è costituito da un insieme di brevissime featured collegate tra loro da una mappa interattiva dove vengono mostrate tutte le sezioni dell'isola con brevi interviste al cast e a esperti di Verne. A questo si aggiungono un paio di sequenze eliminate dal montaggio finale e un minuto di papere sul set. A conti fatti sia la quantità che la qualità dello stesso contenuto è fin troppo scarsa per appagare qualsivoglia appetito di curiosità intorno al film.

  • Are You Strong Enough to Survive Mysterious Island?
  • Deleted Scenes
  • Gag Reel

Conclusioni

L'edizione 2D del Blu Ray di Viaggio nell'Isola Misteriosa si dimostra eccezionale nel profilo video, con un comparto tecnico da riferimento, quanto deludente sul fronte sonoro della traccia italiana e povero nei contenuti speciali. L'edizione è comunque consigliata a chiunque abbia apprezzato il prodotto senza riserve o per chi cerca dell'intrattenimento familiare senza impegno che diverta soprattutto i piccini.