Come può la vita di un ragazzo solitario caduto in un lago ghiacciato e senza memoria come Jason Bourne (riferimento quasi letterale) entrare in contatto con un Coniglio pasquale che sembra un ninja, un Babbo Natale che sembra un taglialegna russo, una Fatina dei denti che sembra un colibrì e la divinità del sogno fatta di sabbia dorata Sandman (Sandy per gli amici)?

Il character poster di Le 5 LeggendePerché l'adolescente in questione, dopo un prologo assai efficace di trasformazione da umano a sovrannaturale che ricorda il primo Spider-Man e Chronicle, diventerà presto Jack Frost, signore dei ghiacci freddamente isolato dai bambini che ogni tanto fa scivolare nel divertimento più scatenato. Li chiamano Guardiani o Leggende dell'infanzia e il loro invisibile capo Uomo della Luna comunicherà loro che Jack, individualista smemorato isolato dal gruppo, dovrà avere un ruolo importante nel contrastare le mire di Pitch Black (per noi Uomo nero), maestro di incubi (uguale a Voldemort se non fosse che ha naso e folta capigliatura alla Christopher Walken) e paura che rimpiange il Medio Evo perché all'epoca lui la faceva da padrone (spunto delizioso poco approfondito).

Molto interessante e contraddittoria la nuova animazione Dreamworks Le 5 leggende, probabilmente anche grazie alla presenza di Guillermo del Toro alla produzione artistica.

Il cartoon di Peter Ramsey (un passato da storyboard artist di grande livello per il cinema live action di Fincher e Spielberg) è diviso tra parti adulte che richiamano al cinema live di supereroi o agenti segreti traumatizzati (quasi tutte le scene che riguardano Jack Frost) e una più infantile, e fin troppo scatenata, commedia corale con star costrette a unirsi (pensate a The Avengers in versione under 10) per contrastare le mire espansionistiche di Pitch Black.

Il character poster di Le 5 LeggendeE' comunque chiaro che si tratti dell'animazione che ha preso più spunto dal cinema d'avventura per adolescenti e adulti degli ultimi anni.

Interessante la dialettica tra essere visto-esistere e non essere visto-non esistere. Jack Frost, traumatizzato dal non essere identificato ocularmente dai bambini, sarà pronto, col passare dei minuti, a concepire anche l'esistenza oltre l'apparire (“Pensi che il sole non ci sia quando viene coperto dalle nuvole?” gli domanderà saggiamente Babbo Natale).

Stupenda una sequenza in cui Babbo Natale utilizza una matrioska (oggetto usato anche da Vince Vaughn per la gag più divertente di Vicini del terzo tipo) per descrivere a Jack il concetto di “centro di te”.
Divertenti gli eserciti di aiutanti che sempre più spesso vediamo rubare la scena ai loro capi-star nei film del recente passato. Ci riferiamo a Cattivissimo me e Panico al villaggio. Qui svettano gli elfi pazzerelli di Babbo Natale, l'esercito di uova con gambette e manine del Coniglio pasquale e lo sciame di colibrì dell'adorabile Fata del dentino.