La messa in onda della prima stagione di Dexter: New Blood si è conclusa negli Stati Uniti e lo showrunner ha parlato della possibilità che la storia continui, oltre a commentare quanto accaduto nel season finale.
Ovviamente la notizia contiene moltissimi spoiler, non proseguite con la lettura se non volete anticipazioni!

Clyde Phillips, intervistato da Deadline, ha spiegato che aveva sempre pensato al finale in cui il protagonista interpretato da Michael C. Hall viene ucciso dal figlio Harrison.

Lo showrunner ha spiegato:

Sapevamo che doveva accadere e penso doveva accadere per il pubblico e per il personaggio. Vederlo venir incastrato e poi farla franca più e più volte è un disservizio per il pubblico. E penso che ci sia una certa verità nella narrazione, nell’autenticità del racconto. Fin dall’inizio quando sono andato a parlare con Michael, circa due anni e mezzo fa all’inizio del luglio 2019, ho condiviso le mie idee. Ci siamo incontrati dopo aver ricevuto una telefonata del presidente di Showtime Gary Levine che mi aveva detto che erano interessati a riportare la serie sugli schermi. Michael mi ha dato un grande abbraccio e mi ha detto ‘Ci sto’. Sapeva come sarebbe finita la storia.

A The Wrap, Phillips ha raccontato:

Non è un segreto che volevamo redimere lo show dopo l’ottava stagione. Non volevo incasinare la mente degli spettatori. Volevo celebrarli ed esprimere la mia gratitudine per essere rimasti con noi e volevo che avessero un finale soddisfacente.

Una delle idee alla base dei nuovi episodi è il rapporto esistente tra padre e figlio e Phillips ha sottolineato che nella puntata Harrison urla ‘Apri gli occhi e guarda quello che hai fatto’ volutamente come riferimento al pilot in cui Dexter uccide per la prima volta, usando le stesse parole rivolgendosi alla sua vittima.

Phillips ha poi aggiunto:

Quanto spesso una serie ottiene un secondo finale? Penso che la risposta sia mai. Con la sensazione negativa lasciata dal finale originale, abbiamo avuto questa rara opportunità di di redimero lo show e dare al pubblico il rispetto che merita, l’autenticità che merita e la gratitudine per essere rimasti con noi. I numeri sono esplosi su Showtime, penso che la serie sia il loro titolo di punta.

Lo showrunner ha ammesso di controllare le reazioni sui social media e di rispettare il fatto che ognuno abbia delle opinioni diverse:

Alcune persone dicono che la fine dell’ottava stagione sia stata grandiosa. Altre che è la cosa peggiore che abbiano mai visto. Alcune persone hanno indovinato esattamente cosa sarebbe accaduto. Alcune persone pensano che Harrison non sia realmente Harrison e che le persone che hanno visto abbia ucciso il vero Harrison. Alcune persone pensano che Harrison abbia ucciso Hannah. Ci saranno moltissime opinioni diverse, semplicemente non posso prenderla sul personale. Siamo pronti a tutto.

Clyde Phillips ha ribadito per chiarire la situazione:

Ho tre parole per voi: Dexter è morto. Non lo farei agli spettatori. Sarebbe disonesto. Quindi non c’è alcun dubbio sul fatto che questo sia il finale di Dexter. Dexter è morto.

Lo showrunner ha sottolineato che i dati di ascolto sono in continua crescita, quindi aspetta una telefonata da parte di Showtime per scoprire se c’è un interesse da parte dell’emittente per continuare la storia di Harrison:

Se mi chiedessero se mi piacerebbe realizzare una continuazione dello show, direi di sì. Mi sto occupando di molte cose, ma abbandonerei tutto per questo show e direi sì in un secondo.

Phillips ha infatti sottolineato che Harrison è un personaggio complicato e ha dentro di sé un lato oscuro che lo ha portato a uccidere Dexter, oltre ad avere una prospettiva diversa sulle attività come vigilante che aveva compiuto Dexter:

Ha questa innocenza giovanile e ottimista, come se lui e suo padre fossero in pratica Batman e Robin. Pensate a ogni volta che che eliminiamo uno di questi cattivi e come si stiano salvando molte vite, che questo cattivo non ucciderà. Dexter non ci ha mai pensato. Dexter stava semplicemente eliminandoli perché era il suo codice morale.

Nel finale Harrison aiuta il padre a capire che è diventato quello di cui voleva liberare il mondo e per questo ci sono flashback che coinvolgono Doakes (Erik King), Deb (Jennifer Carpenter) e LaGuerta (Luna Lauren Carpenter) che sarebbero vivi se Dexter non sarebbe in quel modo. Nella puntata il protagonista si rende conto di amare realmente il figlio e lo “assolve” con le sue ultime parole.

La scena finale mostra Deb e nella versione originale dello script era Dexter ad allontanare la mano dalla donna, ma Jennifer Carpenter durante le riprese ha proposto di essere lei a compiere quel gesto per “liberare” il protagonista, immagini poi usate nello show.

Angela, secondo lo showrunner, dirà che doveva eliminare Dexter perché ci sono molti indizi che abbia ucciso Logan (Alano Miller) e perché pensa Dexter sia il Macellaio di Bay Harbor, oltre al fatto che probabilmente ha ucciso Matt (Steve M. Robertson). Phillips ha sottolineato:

Penso che la decisione di lasciar andare Harrison sia nata dall’orrore a cui ha appena assistito. La sua intera vita è stata su queste persone scomparse e ora tutte queste donne sono morte. Aveva bisogno di umanità e forse il suo istinto materno ha superato il bisogno di fare giustizia.

Lo sceneggiatore ha ammesso che in città arriveranno gli agenti dell’FBI e della scientifica, obbligandola ad affrontare la situazione, probabilmente dichiarando che lo ha ucciso in un atto di autodifesa: Non dimentichiamoci che era il suo amante. Si è fidata di questa persona e poteva essere un’altra vittima.

Che ne pensate delle scelte compiute dallo showrunner nel season finale di Dexter: New Blood? Lasciate un commento!

Potete leggere tutte le notizie e le recensioni di Dexter: New Blood nella nostra scheda.

Fonte: The Wrap, Deadline