Charlie Sheen è attualmente impegnato, tra alti (standing ovation) e bassi (fischi e pubblico che lascia la sala, prezzi dei biglietti che calano), in un tour a teatro. Durante gli ultimi spettacoli a New York City, l’attore ha iniziato a porgere un ramoscello d’ulivo a quello che fino a qualche giorno fa sembrava il suo peggior nemico, ovvero Chuck Lorre, il produttore di Two and a Half Men, spiegando che chiaramente vorrebbe indietro il suo lavoro.

Ieri sera è stato intervistato alla radio di Boston WBZ-FM, durante la quale ha ammesso che “Ci sono state delle discussioni, ma mi è stato chiesto di non parlarne nel dettaglio,” sul suo possibile ritorno nella serie. Ricordiamo che Sheen ha coperto pubblicamente di insulti e fatto causa alla Warner Bros. TV e a Lorre per 100 milioni di dollari dopo che il network ha interrotto la stagione in corso di Two and a Half Men. Non è ancora chiaro se la serie verrà rinnovata o meno, né se Sheen tornerà, anche se a giudicare dalle parole di Sheen sembra sia in atto un tentativo di sotterrare l’ascia di guerra, mettere da parte la causa (che peraltro Sheen sembrerebbe destinato a perdere) e trovare un accordo. Alla Warner questo farebbe sicuramente comodo, visto che i rating del lunedì sera della CBS sono lentamente calati da quando vanno in onda le repliche della serie. “Se mi avessero detto, alla fine dell’ottava stagione, che il mio comportamento non andava bene,” ha concluso nell’intervista a WBZ-FM, “avrei corretto il tiro”. Forse è quello che sta cercando di fare ora: bisognerà vedere quale sarà la risposta della Warner e di Lorre (la CBS è già bendisposta)…

Fonte: Deadline