La terza stagione di Sex Education è disponibile su Netflix, e nel cast troviamo ancora una volta Aimee Lou Wood nei panni di Aimee. L’attrice è stata recentemente ospite di Collider Ladies Night, e ha parlato della sua esperienza sul set, concentrandosi particolarmente sui consigli ricevuti per le scene di sesso:

Mi ricordo la prima scena di sesso e c’era qualcosa che mi diceva “Oh, forse mi va bene questa cosa”. E mi ricordo che Ita O’Brien, coordinatrice delle scene intime per la serie mi disse “No, va bene. Aimee lascia che ti dica una cosa, no è no e anche forse è no. Quindi se ti chiedi “forse mi sta bene” allora è un no. Perché succederà che scenderai a compromessi e sarai d’accordo e poi ti sentirai terribilmente dopo averlo fatto. Sarai completamente vulnerabile se  accetti qualcosa su cui non sei al 100% d’accordo.” Nessuno mi ha messo pressione. Ero solo io che cercavo di compiacerli dicendomi “Forse mi va bene farlo, forse posso farlo” e Ita mi disse “Ricordati che in tutte le scene di sesso e in quelle intime, no è no e forse e no, solo un si assoluto è un sì.”

Cosa ne pensate dei consigli dati a Aimee Lou Wood  su lset di Sex Education? Fatecelo sapere con un commento qui sotto oppure, se preferite, sui nostri canali social.

Questa la trama della stagione 3 di Sex Education:

È un nuovo anno: Otis fa sesso occasionale, Eric e Adam hanno ufficializzato la loro relazione e Jean sta per avere un bambino. Nel frattempo, la nuova preside Hope (interpretata da Jemima Kirke) cerca di ripristinare gli standard di eccellenza della Moordale, Aimee scopre il femminismo, Jackson si prende una cotta, mentre un messaggio vocale perduto incombe ancora.

Sex Education è stata creata e scritta da Laurie Nunn e segue quello che accade a Otis Milburn (Asa Butterfield), uno studente goffo e insicuro che vive con la madre, una terapista specializzata in problemi sessuali, Jean, interpretata da Gillian Anderson. Nel cast ci sono anche Patricia Allison, Emma Mackey, Ncuti Gatwa, Connor Swindells, Aimee-Lou Wood, Kedar Williams-Stirling, Chaneil Kular, Simone Ashley, Mimi Keene, Tanya Reynolds, Mikael Persbrandt, Sami Outalball, Anne-Marie Duff, George Robinson e Chinenye Ezeudu.

Fonte: Collider