In una recente intervista con il The Guardian, Hwang Dong-hyuk il creatore di Squid Game, ha parlato della rappresentazione della Corea all’interno dello show.

Come ben saprete se avete visto la serie, Sae-byeok è una disertrice Nord Coreana, Dong-hyuk ha spiegato quale fosse l’idea alla base della rappresentazione del suo paese:

Sono probabilmente la più grande minoranza in Corea del Sud ora. Questo non farà altro che aumentare. Penso che lo scambio tra le due Coree si espanderà. A un certo punto raggiungeremo la riunificazione. Lo spero.
Volevo creare qualcosa che potesse risuonare non solo per i coreani, ma a livello globale. Questo era il mio sogno. Stiamo vivendo in un mondo come Squid Game.

Cosa ne pensate delle parole sulla Corea del creatore di Squid Game? Fatecelo sapere con un commento qui sotto oppure, se preferite, sui nostri canali social.

In Squid Game (“il gioco del calamaro”, un popolare gioco per bambini praticato sin dagli anni settanta), 456 concorrenti gareggiano l’uno contro l’altro in una serie di giochi per bambini con colpi di scena mortali cercando di sopravvivere vincendo il montepremi di 45,6 miliardi di won. Nel corso di nove episodi seguiamo le vicende di numerosi personaggi tra i concorrenti (caratterizzati da un numero) e altri. La serie è disponibile su Netflix.

Fonte: The Guardian