Anche il regista Taika Waititi è caduto nel fenomeno globale di Squid Game, e ha espresso la sua opinione sul doppiaggio della serie tv. Lo show sudcoreano dei record ha conquistato tutti su Netflix, ed è insolito anche perché si tratta di un progetto non in lingua inglese (generalmente i più visti). Waititi sostiene l’idea, personale, che il progetto andrebbe visto in lingua originale, per apprezzare quello che definisce come “il suono dei film coreani”. Qualcuno ha puntualizzato nei commenti che il doppiaggio inglese è molto buono, e Waititi si è detto d’accordo, semplicemente esprimendo la propria preferenza.

Ricordiamo che al momento in Italia non esiste possibilità di scelta, dato che il doppiaggio di Squid Game è inesistente.

Ecco lo scambio con protagonista Taika Waititi su Squid Game:

TW: Non dovete guardare necessariamente Squid Game doppiato in inglese.

Ma potete! C’è un incredibile cast di doppiatori asiatici e alcune voci talentuose tra i protagonisti, incluso l’incomparabile Greg Chun (la serie di Judgement, Ghost of Tsushima e le serie sulla Yakuza, per nominarne alcune).

TW: Questa è un’argomentazione molto valida. Assolutamente, potete farlo! Ma io personalmente amo il suono dei film coreani e sono stato sorpreso quando Netflix l’ha presentato in inglese come prima opzione.

In Squid Game (“il gioco del calamaro”, un popolare gioco per bambini praticato sin dagli anni settanta), 456 concorrenti gareggiano l’uno contro l’altro in una serie di giochi per bambini con colpi di scena mortali cercando di sopravvivere vincendo il montepremi di 45,6 miliardi di won. Nel corso di nove episodi seguiamo le vicende di numerosi personaggi tra i concorrenti (caratterizzati da un numero) e altri.

Cosa ne pensate delle parole di Taika Waititi su Squid Game?

Tutte le notizie sulla serie sono nella nostra scheda.