Come è stato detto più volte nelle ultime settimane, Hwang Dong-hyuk ci ha messo quasi dieci anni a sviluppare la serie tv Squid Game. Questo significa che, tra le altre cose, le ispirazioni per lo show affondano in una serie di eventi globali che hanno caratterizzato l’ultima decade e non solo. L’autore della serie Netflix ha fatto il punto sulle ispirazioni di Squid Game, e ne ha parlato nel corso di una intervista rilasciata a Indiewire:

Ho concepito le idee per lo show nel 2008. All’epoca c’era la crisi della Lehman Brothers; l’economia coreana è stata gravemente colpita e anche io ero in difficoltà economica. Negli ultimi 10 anni, ci sono stati molti problemi: c’è stato il boom delle criptovalute, in cui le persone in tutto il mondo, in particolare i giovani in Corea, si sono buttate e hanno investito tutti i loro soldi in criptovalute. E c’è stata l’ascesa di giganti IT come Facebook, Google e in Corea, c’è Naver, e stanno davvero cambiando le nostre vite.

È innovativo, ma anche questi giganti dell’IT sono diventati molto ricchi. E poi Donald Trump è diventato il presidente degli Stati Uniti e penso che assomigli un po’ a uno dei VIP del Squid Game. È quasi come se stesse conducendo un gioco televisivo, non un paese, come dare alla gente l’orrore. Dopo che si sono verificati tutti questi problemi, ho pensato che fosse giunto il momento che questo show venisse distribuito nel mondo.

In Squid Game (“il gioco del calamaro”, un popolare gioco per bambini praticato sin dagli anni settanta), 456 concorrenti gareggiano l’uno contro l’altro in una serie di giochi per bambini con colpi di scena mortali cercando di sopravvivere vincendo il montepremi di 45,6 miliardi di won. Nel corso di nove episodi seguiamo le vicende di numerosi personaggi tra i concorrenti (caratterizzati da un numero) e altri.

Cosa ne pensate delle ispirazioni alla base di Squid Game?

Tutte le notizie sulla serie sono nella nostra scheda.

Fonte: IW