The Chosen One: nuovi dettagli sull’incidente mortale in cui hanno perso la vita due membri del cast

The Chosen One

Le indagini preliminari sull’incidente mortale in cui hanno perso la vita due dei membri del cast di The Chosen One si sono concluse e la causa di quanto accaduto sembra la velocità elevata con cui stava guidando l’autista Alberto Jimenez Gomez.

Raymundo Garduño Cruz e Juan Francisco González hanno perso la vita a Santa Rosalia-Loreto, nella mattina del 16 giugno. Jimenez non ha diminuito la velocità con cui stava guidando nonostante la visibilità fosse ridotta, perdendo così il controllo del veicolo. A bordo c’erano otto persone: Yeray Abelda, Garduño, Aguilar, due donne che avevano il compito di coordinare le controfigure, un attore minorenne e la persona che lo accompagnava, e il guidatore. Solo l’autista e il passeggero accanto a lui indossavano le cinture di sicurezza.
Abelda ha subito un trauma cranico e non è in grado di ricordare quanto accaduto, venendo sottoposto a numerosi esami in ospedale e avendo subito numerose fratture, pur non essendo a rischio. L’attore, inoltre, ha dichiarato che non si è trattato di un problema con i pneumatici perché sono stati controllati dopo il drammatico incidente e l’autista era arrivato sul set solo il giorno prima per sostituire un altro guidatore che aveva bisogno di una pausa a causa dell’eccessivo lavoro.

Abelda, intervistato da Deadline, ha dichiarato di non ricordare quasi nulla:

Mi ricordo che ho girato la chiave della mia camera di albergo di mattina e di essere uscito a prendere un burrito perché il pulmino ci stava venendo a prendere alle 7 di mattina e non avevamo avuto tempo di fare colazione. Dopo quello mi ricordo di essermi svegliato nell’ambulanza. Dentro il pulmino c’erano tre file per i passeggeri dietro l’autista e un passeggero seduto di fronte. Di solito mi siedo nella seconda fila e credo fossi lì quando è avvenuto l’incidente. Da quel che so Paco e Ray erano seduti in file diverse, più vicine alla porta scorrevole. Mi è stato detto che il pulmino si è ribaltato più volte e la porta scorrevole si è aperta. Immagino, in base a quello che mi è stato detto, che senza le cinture di sicurezza, Paco e Ray siano stati lanciati fuori dal veicolo.

Albelda ha sottolineato che Netflix e la casa di produzione Redrum sono stati di grande aiuto e hanno cercato di aiutarli dopo l’incidente:

Non era possibile immaginare quello che è accaduto. Fidatevi di me, ho appena perso due cari amici che conoscevo da molti anni. Se pensassi che qualcuno fosse responsabile ne parlerei per far avere giustizia alle famiglie.

Yeray ha inoltre spiegato che nessuno li aveva invitati a indossare le cinture di sicurezza:

Parlerò per me dicendo che non l’ho mai indossata. Mi sono sempre sentito al sicuro nel pulmino e non avrei potuto immaginare che sarebbe potuto accadere un incidente terribile come questo.

Abelda ha inoltre deciso di non tornare sul set, tuttavia la produzione si occuperà dei costi delle sue cure e proseguirà nel pagare il suo salario come se avesse concluso il lavoro previsto sulla serie.
L’attore ha aggiunto:

Sono entrambi degli amici che conoscevo dall’epoca del teatro con cui ho affrontato molto, bei momenti e altri negativi. Siamo stati in tour insieme e conosciamo le rispettive famiglie. Ho conosciuto Paco per circa 18 anni e Ray per circa sette. Ray era il ribelle. Non ho mai pubblicato delle foto dal set perché abbiamo firmato degli accordi che impediscono di far trapelare spoiler. Ma Ray, il ribelle, amava essere sul set e aveva condiviso lo stesso alcune foto. Era davvero orgoglioso di lavorare in questa produzione. Era l’anima della festa. Quando avevamo del tempo libero andavamo al bar o ascoltavamo della musica in piscina.

Abelda ha aggiunto:

Mi ricordo che io e Ray ci siamo incontrati per la prima volta nel 2015, abbiamo collaborato a tre progetti tramite la sua compagnia teatrale, il Teatro Inmigrante. Abbiamo lavorato con molti bambini e mi ricordo che per lui è stato davvero importante che i giovani attori venissero trattati come professionisti. Ha lavorato con attori davvero talentuosi che erano intelligenti, non voleva sottovalutare cosa potevano ottenere. Ha inoltre affrontato tematiche legate alla giustizia sociale nelle sue produzioni. Stavamo parlando della sua personalità al suo memoriale ieri, aveva una personalità davvero forte che non tutti capivano nel modo giusto. Ma era per la sua fermezza che è riuscito ad aiutare a far compiere dei cambiamenti e a difendere ciò che riteneva fosse importante. Era inoltre davvero generoso e voleva che tutti avessero successo.

L’attore ha poi raccontato:

Io e Paco ci siamo incontrati alla prima audizione per il teatro che ho avuto. Voglio che tutti sapessero che il suo nome d’arte Mufote rappresenta le sue tre più grandi passioni: la musica, la fotografia e il teatro. Quello che faceva distinguere Paco dagli altri erano la sua generosità, la sua empatia, e quanto fosse umile. Trattava tutti in modo equo dalle comparse alla star di qualsiasi progetto in cui era coinvolto. Mentre stavamo girando a Santa Rosalia odiava essere bloccato dentro un hotel. Usciva per stare in mezzo alla comunità e iniziare conversazioni con le persone del posto. Ha visitato i musei e ha imparato la storia dell’area, che poi ci insegnava quando ci trovavamo. Paco amava la conoscenza, era inoltre bravo ad ascoltarti e offrirti sostegno. Quella foto che avete visto sulla pagina Instagram di Ray per il compleanno di Paco rappresenta come Paco voleva celebrare un altro anno di vita. Un semplice raduno di amici, non voleva una festa o ubriacarsi. Mi ricordo quando stavamo girando una scena nel deserto e ha dato il suo ombrello a qualcuno che ne aveva più bisogno di lui. Entrambi stanno lasciando un vuoto enorme nei cuori di chi li conosceva.

L’amico dei due attori ha sottolineato:

La loro morte è tragica, ma ho detto alle loro famiglie di trovare conforto nel fatto che stavano facendo quello che amavano di più. Stavano vivendo il loro sogno. Trovo conforto nel pensare che Paco e Ray siano morti in quel modo e non per una malattia incurabile o qualcosa di peggio. Mi è stato dato il dono di vivere un altro giorno e non prendo la questione alla leggera. Voglio continuare a recitare e onorare Paco e Ray condividendo tutto quello che mi hanno insegnato. Condividerò il mio sogno con loro per il resto della mia vita.

Che ne pensate dei nuovi dettaglio sull’incidente mortale in cui è stato coinvolto il cast di The Chosen One? Lasciate un commento!

Fonte: Deadline

I film e le serie imperdibili

È necessario attenersi alla netiquette, alla community infatti si richiede l’automoderazione: non sono ammessi insulti, commenti off topic, flame. Si prega di segnalare i commenti che violano la netiquette, BAD si riserva di intervenire con la cancellazione o il ban definitivo.