La messa in onda dei sei episodi di The Walking Dead: The One Who Live si è conclusa e Andrew Lincoln, Danai Gurira e Scott Gimple, co-creatori del progetto, hanno commentato il finale della storia.

Non proseguite con la lettura se non volete anticipazioni!

La storia di Rick e Michonne si è infatti conclusa con il ritorno a casa dei due protagonisti dopo aver sconfitto Beale e i vertici della CRM che avevano in programma una strage per ottenere il potere e un piano per sbarazzarsi di ogni possibile avversario nei mesi successi.

Intervistato da Entertainment Weekly, Gimple ha dichiarato:

Per quel che mi ricordo, quello era l’epilogo e stavamo lavorando sul percorso per arrivare a quel momento. Ma ho una memoria orribile riguardante il lavoro e ho due persone che erano lì con me, quindi voglio averne una conferma. Credo realmente che fosse sempre il finale e ci stessimo muovendo in quella direzione. Non penso ci sia mai stato un mondo in cui uno di questi personaggi non rimanesse con l’altro. Potrei sbagliarmi.

Danai ha aggiunto:

Stavamo decisamente muovendoci verso quel finale. Non c’è mai stata un’idea simile a ‘Oh, lasciamo che sia un finale tragico’. Quello non era previsto, penso in nessun momento. Si è sempre trattato di ‘Come li facciamo stare insieme? Come portiamo Rick al suo lieto fine e Michonne al suo lieto fine?’. Quello è ciò che mi ricordo.

Lincoln ha poi sottolineato:

Sì. Penso che sarebbe stato un pugno nello stomaco se avessimo realizzato sei episodi, fatto tornare tutti e poi li avessimo uccisi entrambi. Quello penso sarebbe stato un po’ maleducato.

Che ne pensate? Siete felici che i co-creatori di The Walking Dead: The Ones Who Live non abbiano mai pensato a un altro finale?

Potete trovare tutte le informazioni sulla scheda nella nostra scheda.

Vi ricordiamo infine che trovate BadTaste anche su TikTok.

Fonte: Entertainment Weekly