Jodie Turner-Smith ha lasciato il cast della serie prequel di The Witcher, intitolata Blood Origin, prossimamente in arrivo su Netflix. Un portavoce della piattaforma streaming ha confermato e motivato la scelta dell’attrice: “A causa di un cambiamento nel programma di produzione della serie limitata The Witcher: Blood Origin, purtroppo Jodie Turner-Smith non sarà più in grado di continuare nel ruolo di Éile”.

Il personaggio di Éile era stato descritto come una guerriera, con la voce di una dea,  che lasciava il suo clan e l’incarico di guardiana della regina per seguire il suo cuore e diventare una musicista nomade.

Laurence O’Fuarain avrà il ruolo di Fjall, cresciuto in un clan di guerrieri che hanno giurato di proteggere il re. Il personaggio ha dentro di sé una grande ferita causata dalla morte di una persona amata che ha perso la vita in battaglia provando a salvarlo. Quanto accaduto non gli permette di trovare pace con se stesso e il mondo intorno a lui. Fjall, andando alla ricerca di redenzione, si ritrova a lottare al fianco degli alleati più improbabili mentre si costruisce un percorso all’insegna della vendetta attraverso un continente in preda al caos.

Lo show sarà ambientato 1.200 anni prima di The Witcher e racconterà gli eventi che hanno portato al momento in cui i mondi dei mostri, degli uomini e degli elfi si sono fusi diventando un’unica realtà.

Declan de Barra sarà showrunner e produttore della serie, composta da sei puntate, e Lauren Schmidt Hissrich sarà coinvolta come produttrice esecutiva, mentre lo scrittore Andrzej Sapkowski sarà coinvolto come consulente.

Che ne pensate dell’addio dell’attrice al cast di The Witcher: Blood Origin? Lasciate un commento!