La recensione di Clark, la miniserie Netflix disponibile dal 5 maggio 2022

Ridurre Clark alla definizione di “serie sull’origine della Sindrome di Stoccolma” equivale a dire che Quarto Potere è un film su una slitta. Eppure, la stessa Netflix che ne è distributore globale la etichetta così, ricercando quasi una semplificazione per un’opera altrimenti di difficile definizione. Perché, in effetti, limitarsi a dire che si tratta di una biografia di Clark Olofsson significa mancare clamorosamente il bersaglio; le intenzioni di Jonas Åkerlund (che ne è regista, produttore esecutivo e sceneggiatore) sono ben diverse, ed emergono sin dall’inizio tramite un’esplicativa avvertenza che campeggia prima di ogni episodio: “Basato su verità e bugie”.

Nei sei episodi che compongono la stagione, scorre sotto i nostri occhi l’odissea di Olofsson, da un’infanzia umile alle grandi prodezze della sua carrie...