Il canale Youtube di XVP Comedy ha partorito un trailer parodia del Butthole Cut di Cats che prende spunto da una voce circolata nelle ultime settimane a proposito della pellicola controversa di Tom Hooper.

La voce era arriva dal giovane sceneggiatore Jack Waz che riportava:

L’artista di effetti visivi amico di un mio amico è stato assunto a novembre per ritoccare alcune delle 400 inquadrature con effetti visivi di Cats. Il suo lavoro consisteva interamente nella rimozione di ani digitali che erano stati inseriti alcuni mesi prima. Ciò significa che da qualche parte esiste l’edizione “anale” di Cats.

Qualche ora dopo era arrivata una precisazione da un addetto ai lavori anonimo:

Non ci sono mai state inquadrature di ani. O per lo meno inquadrature volute, da quanto mi risulta. Tuttavia, ci sono state alcune inquadrature – circa una dozzina – in cui la pelle e il pelo si piegavano dando l’impressione di essere genitali femminili pelosi o ani. Il compito assegnato (come spesso capita per prodotti pieni di effetti visivi) è stato quello di rimuovere tutti gli aspetti ritenuti offensivi che ci sono stati segnalati. Ogni giorno in post-produzione c’erano argomenti imbarazzanti affrontati da persone che raccoglievano il coraggio per chiedere cose come: “quella ti sembra una passera?”.

Il 20 marzo, poi, è arrivato anche un commento ufficiale da un portavoce della Universal che ha definito il messaggio di richiesta da parte di Vanity Fair di una dichiarazione “l’email preferita di tutti i tempi“. Ha ammesso di non poter commentare le voci pur sperando che la dichiarazione “possa contribuire alla alla natura magica e mitica di questa perla cinematografica“.

Approfittando della quarantena, i creatori del canale Youtube di XVP Comedy hanno creato una parodia di questo presunto Butthole Cut che potete ammirare qui in alto.

Fin dalla diffusione online del primo trailer, è apparso chiaro che il destino di Cats non sarebbe stato semplicissimo e difatti la pellicola è passata dall’essere una delle potenziali proposte della Universal per gli Oscar al rivelarsi un flop multimilionario.

Co-prodotto dalla Universal, dalla Amblin Partners e dalla Working Title, il film è l’adattamento del celebre musical di Andrew Lloyd Webber che nei decenni è arrivato a generare oltre 4 miliardi di dollari. Al cinema le cose sono andate diversamente: a dicembre Deadline ha stimato l’entità del flop su un passivo di circa 70 milioni, facendo una previsione d’incasso mondiale finale di 100 milioni di dollari (40 negli USA e 60 nel resto del mondo) contro un budget ufficiale di 90 milioni di dollari cui vanno aggiunti circa 115 milioni di dollari stimati di marketing e distribuzione. La stima sale a 155 milioni d’incasso se si includono le previsioni home video e di diritti tv e streaming, e a 226 milioni di costi includendo l’home video. Considerato che Cats ha guadagnato 74,4 milioni in tutto il mondo, la perdita è anche maggiore.

Cats è stato girato in motion-capture e i personaggi realizzati poi in cgi su un set “a misura di gatto” (vedi il backstage). In Italia è uscito il 20 febbraio.

Nel cast troviamo Jennifer Hudson (Grizabella), Ian McKellen (Gus il gatto teatrale), Idris Elba (l’antagonista Macavity), Judi Dench (Old Deuteronomy), Rebel Wilson (Jennyanydots), Taylor Swift, James Corden, Laurie Davidson, Mette Towley e i ballerini del Royal Ballet Steven McRae (Skimbleshanks) e Francesca Hayward (Victoria).

Adattato per il grande schermo da Hooper e Lee Hall (Billy Elliot), Cats è prodotto da Hooper e da Tim Bevan e Eric Fellner della Working Title, e da Debra Hayward (Les Misérables).

Cats è un musical in due atti del 1981 composto da Andrew Lloyd Webber su testi di Thomas Stearns Eliot (con aggiunte di Trevor Nunn e Richard Stilgoe). Il libro di Thomas Stearns Eliot da cui è tratto è Il libro dei gatti tuttofare, che consiste in una raccolta di poesie con gatti come protagonisti.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti o sul forum.