Continuano le nostre videointerviste casalinghe lunghissime dopo Paolo GenoveseNicola GuaglianoneMassimiliano Bruno Walter Fasano.
Roberto De Paolis era un esordiente come tanti quando la sua opera prima Cuori Puri arrivava nel maggio del 2017 al prestigioso Festival di Cannes nella sezione Quinzaine Des Réalisateurs.

Il giorno dopo era cambiato tutto. Cuori Puri veniva esaltato dalla stampa internazionale rivelando De Paolis come un talento europeo ancora tutto da scoprire.

Quella che De Paolis ha concesso a BadTaste.it è una lunga videointervista particolarmente incentrata sul suo formidabile esordio nel lungometraggio anche se abbiamo cercato di capire di più del suo background artistico in relazione al futuro di una carriera che appare come una delle più interessanti tra i cineasti italiani del domani.

Nella lunga chiacchierata abbiamo affrontato con Roberto il suo interessante metodo registico, il lavoro sugli attori (Selene Caramazza e Simone Liberati) e le ambizioni riguardo l’imminente David di Donatello 2018 che lo vedrà sicuramente concorrere quantomeno nella categoria di Miglior Regista Esordiente.

Ci piace che, dopo il lungo incontro con il montatore di Chiamami Col Tuo Nome Walter Fasano, anche in questo caso si sia parlato molto del ruolo del montaggio e montatore dentro la finalizzazione di un lungometraggio con riferimento specifico all’editor cinematografico di Cuori Puri Paola Freddi.

Un sentito grazie anche alla Fondazione Istituto Tecnico Superiore Roberto Rossellini con cui BadTaste.it ha stretto una collaborazione per la realizzazione di queste videointerviste. Video a cura di Paolo Carabetta, montaggio di Mirko D’Alessio.