Come annunciato, le nomination alla 90esima edizione degli Academy Awards si sono svolte oggi in diretta streaming mondiale.

Se l’anno scorso aveva fatto storcere il naso la scelta di far annunciare i candidati da sei location diverse in giro per il mondo, quest’anno si è preferito affidare l’annuncio a due attori, Tiffany Addish e Andy Serkis, con il supporto di alcuni video che hanno visto la partecipazione di Gal Gadot, Salma Hayek, Rosario Dawson, Priyanka Chopra, Michelle Rodriguez, Zoe Saldana, Molly Shannon, Rebel Wilson, e Michelle Yeoh.

Idea carina, ma realizzazione abbastanza pessima – non tanto per quanto riguarda i video, quanto per l’annuncio dei nomi in sè, visti i numerosi problemi di pronuncia della Addish (Guadagnino in primis).

Grande conferma, dopo la vittoria ai PGA qualche giorno fa, per La Forma dell’Acqua: il fantasy di Guillermo del Toro, già Leone d’Oro al Festival di Venezia, domina con ben 13 nomination e si posiziona come frontrunner forte anche di candidature in categorie chiave come miglior film, miglior regista, miglior sceneggiatura originale, migliore attrice protagonista, migliore attore non protagonista, migliore fotografia, miglior montaggio, miglior colonna sonora – segno di un consenso ampio e consolidato da parte dell’Academy. Colpisce invece che il principale contendente, ovvero Tre Manifesti a Ebbing, Missouri (vincitore del SAG come miglior cast d’insieme), venga privato della nomination alla miglior regia. Le due nomination nella stessa categoria come migliori attori non protagonisti a Woody Harrelson e Sam Rockwell indeboliscono soprattutto quest’ultimo (potrebbe essere una buona occasione per Richard Jenkins?) pur confermando la sua qualità di film di recitazione (e quindi favorito dall’importante categoria degli attori, in maggioranza nell’Academy).

In tutto questo, le otto nomination di Dunkirk danno molta forza al film di Christopher Nolan, il quale ottiene la sua quinta nomination nella carriera (la prima come regista!).

Cinque le nomination per Lady Bird, uno dei favoriti fino almeno alla settimana scorsa, prima dei PGA e dei SAG, battuto invece da L’Ora più Buia (6 nomination) e Il Filo Nascosto (una delle sorprese in positivo) che consegna a Daniel Day-Lewis la sua sesta nomination all’Oscar (ne ha vinti tre) per quella che forse sarà la sua ultima interpretazione.

C’è poi, ovviamente, la soddisfazione di vedere Chiamami col tuo Nome di Luca Guadagnino tra i nove candidati all’Oscar come miglior film. Quattro le nomination ottenute dalla pellicola, tra cui anche miglior attore protagonista (Timothée Chalamet), miglior sceneggiatura adattata (James Ivory), miglior canzone. Nominata anche l’italiana Alessandra Querzola per le scenografie di Blade Runner 2049.

Tra le delusioni, impossibile non notare l’assenza totale di Wonder Woman (campione d’incassi e molto amato dalla critica negli USA), che molti pensavano avrebbe ottenuto qualche nomination almeno tecnica (tra i cinecomic invece si distingue Logan con la nomination come miglior sceneggiatura adattata), così come la mancata nomination per James Franco per The Disaster Artist (c’è chi incolpa lo scandalo che ha coinvolto l’attore negli ultimi giorni, ma lo scandalo è esploso quando la chiusura delle votazioni era imminente e non può aver influito così tanto). Film come The Post, I, Tonya, The Florida Project, The Big Sick e Molly’s Game erano tutti in lizza per diverse candidature e invece sono fanalini di coda nella lista delle nomination. Ci si aspettava poi la nomination a Jane (vincitore del PGA) come miglior documentario, così come In the Fade e Foxtrot come miglior film straniero.

I RECORD

Colpisce che proprio mentre l’acquisizione degli asset entertainment della 21st Century Fox da parte della Disney è in via di approvazione da parte del regolatore, la costola della Fox dedicata al cinema indipendente domini così pesantemente le candidature. I due favoriti, La Forma dell’Acqua e Tre Manifesti a Ebbing, Missouri, sono entrambi di Fox Searchlight che con questi due film ammassa ben 20 nomination. Record negativo, invece, per la Paramount Pictures: è la prima volta dal 2003 che la compagnia non riceve nemmeno una nomination (nemmeno tramite la sua costola indipendente), nonostante avesse film come Downsizing, Suburbicon e Madre!. È anche la prima volta in 15 anni che una major viene esclusa dalle nomination, sintomo della forte crisi che sta attraversando l’azienda. The Weinstein Company, intanto, è rimasta completamente a secco di nomination per la prima volta dal 2005, anno della sua fondazione.

La sorpresa più grande è forse la nomination a Christopher Plummer che, a 88 anni, risulta l’attore più anziano ad aver mai ottenuto una nomination (Gloria Stuart ne aveva 87 quando la ottenne per Titanic nel 1998). Plummer batté già un record nel 2012 diventando l’attore più anziano a vincere un Oscar (per Beginners) a 82 anni. Ricordiamo che J. Paul Getty era stato inizialmente interpretato da Kevin Spacey in Tutti i Soldi del Mondo, ma a causa dello scandalo che lo ha travolto il regista Ridley Scott ha voluto sostituire l’attore con Plummer rigirando tutte le sue scene. James Ivory (miglior sceneggiatura) e Agnès Varda (miglior documentario), a 89 anni, sono invece l’uomo e la donna più anziani nominati. Se uno dei due vincesse, diventerebbe il più anziano a vincere un Oscar, battendo Ennio Morricone (87).

Timothée Chalamet (Chiamami col tuo Nome), per contro, è l’attore più giovane a essere nominato come miglior attore protagonista in 75 anni.

Greta Gerwig (Lady Bird), intanto, è la quinta donna a ricevere una nomination come miglior regista nella storia degli Oscar dopo Lina Wertmüller, Jane Campion, Sofia Coppola e Kathryn Bigelow. Jordan Peele (Get Out) è invece il quinto regista afroamericano nominato nella storia e potrebbe diventare il primo a vincere. Nessuna donna afroamericana è mai stata nominata,

Il vero record però lo stabilisce Rachel Morrison (Mudbound): è la prima donna a ricevere una nomination per la miglior fotografia in 90 anni di storia degli Oscar. Altro record nella sezione della migliore fotografia per Roger Deakins (Blade Runner 2049) che ottiene la 14esima nomination (senza vincere mai un premio, per ora). Con la nomination per Star Wars: Gli Ultimi Jedi il compositore John Williams conferma poi il suo dominio come persona più nominata della storia degli Oscar dopo Walt Disney (59) con ben 51 nomination. Anche Meryl Streep batte il suo stesso record, e cioè quello della persona con il maggior numero di nomination all’Oscar per la recitazione (protagonista e non protagonista): quella per The Post è la ventunesima.

Tra le altre curiosità, il fatto che Kobe Bryant abbia una nomination all’Oscar (per il miglior corto animato), le otto nomination per Netflix (Amazon Studios solo 1, complice la totale assenza di La Ruota delle Meraviglie di Woody Allen) e la nomination di Logan: è il primo cinecomic a ottenere una candidatura all’Oscar per la miglior sceneggiatura.

TUTTE LE NOMINATION

 

Miglior Film

– Chiamami col tuo nome (Luca Guadagnino, Marco Morabito, Peter Spears, Emilie Georges)
– L’ora più buia (Eric Fellner, Tim Bevan, Douglas Urbanski, Lisa Bruce, Anthony McCarten)
– Dunkirk (Christopher Nolan, Emma Thomas)
– Lady Bird (Scott Rudin, Eli Bush, Evelyn O’neill)
– Il Filo Nascosto (Paul Thomas Anderson, Daniel Lupi, JoAnne Sellar, Megan Ellison)
– Scappa – Get Out (Sean McKittrick, Jason Blum, Jordan Peele, Edward H. Hamm Jr.)
– The Post (Steven Spielberg, Kristie Macosko Krieger, Amy Pascal)
– La Forma dell’Acqua (Guillermo del Toro, J. Miles Dale)
– Tre manifesti a Ebbing, Missouri (Graham Broadbent, Martin McDonagh, Peter Czernin)

Miglior Regia

– Dunkirk (Christopher Nolan)
– Lady Bird (Greta Gerwig)
– La Forma dell’Acqua (Guillermo del Toro)
– Scappa – Get Out (Jordan Peele)
– Il Filo Nascosto (Paul Thomas Anderson)

Miglior Attore Protagonista

– Il Filo Nascosto (Daniel Day-Lewis)
– Scappa – Get Out (Daniel Kaluuya)
– Roman J. Israel, Esq. (Denzel Washington)
– L’ora più buia (Gary Oldman)
– Chiamami col tuo nome (Timothee Chalamet)

Miglior Attrice Protagonista

– Tre manifesti a Ebbing, Missouri (Frances McDormand)
– I, Tonya (Margot Robbie)
– The Post (Meryl Streep)
– La Forma dell’Acqua (Sally Hawkins)
– Lady Bird (Saoirse Ronan)

Miglior Attore non Protagonista

– Tutti i soldi del mondo (Christopher Plummer)
– La Forma dell’Acqua (Richard Jenkins)
– The Florida Project (Willem Dafoe)
– Tre manifesti a Ebbing, Missouri (Sam Rockwell)
– Tre manifesti a Ebbing, Missouri (Woody Harrelson)

Miglior Attrice non Protagonista

– I, Tonya (Allison Janney)
– Lady Bird (Laurie Metcalf)
– Il Filo Nascosto (Lesley Manville)
– Mudbound (Mary J. Blige)
– La Forma dell’Acqua (Octavia Spencer)

Miglior Sceneggiatura Originale

– Lady Bird (Greta Gerwig)
– Scappa – Get Out (Jordan Peele)
– The Big Sick (Kumail Nanjiani, Emily V. Gordon)
– La Forma dell’Acqua (Guillermo del Toro, Vanessa Taylor)
– Tre manifesti a Ebbing, Missouri (Martin McDonagh)

Miglior Sceneggiatura non Originale

– Chiamami col tuo nome (James Ivory)
– Logan – The Wolverine (James Mangold, Scott Frank, Michael Green)
– Molly’s Game (Aaron Sorkin)
– Mudbound (Dee Rees, Virgil Williams)
– The Disaster Artist (Scott Neustadter, Michael H. Weber)

Miglior Film Straniero

– L’insulto
– Loveless
– Corpo e Anima
– The Square
– Una donna fantastica

Miglior film d’Animazione

– Coco (Lee Unkrich, Darla K. Anderson)
– Ferdinand (Carlos Saldanha)
– Loving Vincent (Ivan Mactaggart, Dorota Kobiela, Hugh Welchman)
– Baby Boss (Tom McGrath, Ramsey Ann Naito)
– The Breadwinner (Nora Twomey, Anthony Leo)

Miglior Fotografia

– Blade Runner 2049 (Roger Deakins)
– L’ora più buia (Bruno Delbonnel)
– Dunkirk (Hoyte Van Hoytema)
– Mudbound (Rachel Morrison)
– La Forma dell’Acqua (Dan Laustsen)

Miglior Scenografia

– La Bella e la Bestia (Sarah Greenwood, Katie Spencer)
– Blade Runner 2049 (Dennis Gassner, Alessandra Querzola)
– L’ora più buia (Sarah Greenwood, Katie Spencer)
– Dunkirk (Nathan Crowley, Gary Fettis)
– La Forma dell’Acqua (Paul D. Austerberry, Shane Vieau, Jeffrey A. Melvin)

Miglior Montaggio

– Baby Driver – Il Genio della Fuga (Paul Machliss, Jonathan Amos)
– Dunkirk (Lee Smith)
– I, Tonya (Tatiana S. Riegel)
– La Forma dell’Acqua (Sidney Wolinsky)
– Tre manifesti a Ebbing, Missouri (Jon Gregory)

Miglior Colonna Sonora

– Dunkirk (Hans Zimmer)
– Il Filo Nascosto (Jonny Greenwood)
– Star Wars: Gli Ultimi Jedi (John Williams)
– La Forma dell’Acqua (Alexandre Desplat)
– Tre manifesti a Ebbing, Missouri (Carter Burwell)

Miglior Canzone

– Chiamami col tuo nome (Sufjan Stevens) – The Mystery of Love
– Coco (Kirsten Anderson-Lopez, Robert Lopez) – Remember Me
– Marshall (Common, Andra Day) – Stand Up for Something
– Mudbound (Mary J. Blige, Raphael Saadiq) – Mighty River
– The Greatest Showman (Benj Pasek, Justin Paul) – This is Me

Migliori Effetti Speciali

– Blade Runner 2049 (Lam Pau, John Nelson, Gerd Nefzer, Richard R. Hoover)
– Guardiani della Galassia Vol. 2 (Daniel Sudick, Christopher Townsend, Guy Williams, Jonathan Fawkner)
– Kong: Skull Island (Stephen Rosenbaum, Jeff White, Scott Benza, Michael Meinardus)
– Star Wars: Gli Ultimi Jedi (Chris Corbould, Neal Scanlan, Ben Morris, Michael Mulholland)
– The War – Il Pianeta delle Scimmie (Dan Lemmon, Joe Letteri, Daniel Barrett, Joel Whist)

Miglior Sonoro

– Baby Driver – Il Genio della Fuga (Julian Slater, Mary H. Ellis, Tim Cavagin)
– Blade Runner 2049 (Ron Bartlett, Mac Ruth, Doug Hemphill)
– Dunkirk (Gary A. Rizzo, Gregg Landaker, Mark Weingarten)
– Star Wars: Gli Ultimi Jedi (Ren Klyce, Stuart Wilson, David Parker, Michael Semanick)
– La Forma dell’Acqua (Christian T. Cooke, Glen Gauthier, Brad Zoern)

Miglior Montaggio Sonoro

– Baby Driver – Il Genio della Fuga (Julian Slater)
– Blade Runner 2049 (Mark A. Mangini, Theo Green)
– Dunkirk (Richard King, Alex Gibson)
– Star Wars: Gli Ultimi Jedi (Matthew Wood, Ren Klyce)
– La Forma dell’Acqua (Nelson Ferreira, Nathan Robitaille)

Migliori Costumi

– La Bella e la Bestia (Jacqueline Durran)
– L’ora più buia (Jacqueline Durran)
– Il Filo Nascosto (Mark Bridges)
– La Forma dell’Acqua (Luis Sequeira)
– Vittoria e Abdul (Consolata Boyle)

Miglior Trucco e Acconciatura

– L’ora più buia (Kazuhiro Tsuji, David Malinowski, Lucy Sibbick)
– Vittoria e Abdul (Daniel Phillips, Loulia Sheppard)
– Wonder (Arjen Tuiten)

Miglior Documentario

– ABACUS: Small Enough to Jail (Steve James, Julie Goldman, Mark Mitten)
– Visages, visages (Agnès Varda, Rosalie Varda, Jr.)
– Icarus (Dan Cogan, Bryan Fogel)
– Last Men in Aleppo (Feras Fayyad, Kareem Abeed, Soeren Steen Jespersen)
– Strong Island (Joslyn Barnes, Yance Ford)

Miglior Cortometraggio Documenatrio

– Edith+Eddie (Thomas Lee Wright, Laura Checkoway)
– Heaven is a Traffic Jam On The 405 (Frank Stiefel)
– Heroin(e) (Elaine Mcmillion Sheldon, Kerrin Sheldon)
– Knife Skills (Thomas Lennon)
– Traffic Stop (David Heilbroner, Kate Davis)

Miglior Cortometraggio

– DeKalb Elementary (Reed Van Dyk)
– My Nephew Emmett (Kevin Wilson Jr.)
– The Eleven O’Clock (Josh Lawson, Derin Seale)
– The Silent Child (Chris Overton, Rachel Shenton)
– Watu Wote: All of Us (Katja Benrath, Tobias Rosen)

Miglior Cortometraggio Animato

– Dear Basketball (Kobe Bryant, Glen Keane)
– Garden Party (Victor Caire, Gabriel Grapperon)
– Lou (Dave Mullins, Dana Murray)
– Negative Space (Ru Kuwahata, Max Porter)
– Revolting Rhymes (Jan Lachauer, Jakob Schuh)

LE NOMINATION PER FILM

  • 13 – La Forma dell’Acqua
  • 8 – Dunkirk
  • 7 – Tre Manifesti a Ebbing, Missouri
  • 6 – L’Ora più Buia
  • 6 – Il Filo Nascosto
  • 5 – Lady Bird
  • 5 – Blade Runner 2049
  • 4 – Mudbound
  • 4 – Chiamami col tuo Nome
  • 4 – Scappa – Get Out
  • 4 – Star Wars: Gli Ultimi Jedi
  • 3 – I, Tonya
  • 3 – Baby Driver
  • 2 – The Post
  • 2 – La Bella e la Bestia
  • 2 – Victoria e Abdul
  • 2 – Coco

LE NOMINATION PER STUDIO

  • Fox Searchlight – 20
  • Focus Features – 14
  • Warner Bros – 14
  • Disney – 9
  • Netflix – 8
  • A24 – 7
  • 20th Century Fox – 7
  • Sony Pictures Classics – 6
  • Sony – 5
  • Universal – 4
  • Neon – 3
  • Cohen Media Group – 2
  • Lionsgate – 2
  • Gkids – 1
  • Grasshopper Films – 1
  • Good Deed – 1
  • Magnolia Pictures – 1
  • Open Road/Global Road – 1
  • PBS – 1
  • STX Entertainment – 1
  • Amazon Studios – 1

 

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

La 90esima edizione degli Academy Awards, condotta da Jimmy Kimmel per la seconda volta, si terrà nella notte tra il 4 e il 5 marzo.

Trovate tutte le notizie sulla corsa agli Oscar nella nostra sezione speciale!

 

Consigliati dalla redazione