Ci siamo: le nomination agli Oscar 2020 si sono tenute oggi e qui BadTaste.it abbiamo seguito l’annuncio in diretta live streaming.

Ad annunciare i candidati nelle 24 categorie sono stati John Cho e Issa Rae: la presentazione si è svolta come da tradizione in due parti, la prima alle 14:18 e la seconda alle 14:30. Ovviamente c’era molta attesa per quanto riguarda i risultati di film come 1917 e C’era una volta a… Hollywood (vincitori del Golden Globe solo qualche giorno fa), Joker, Piccole donne, Cena con delitto, Jojo Rabbit, Storia di un matrimonio. Non solo: c’era anche molta curiosità circa la possibilità che Parasite di Bong Joon-ho riuscisse a superare la barriera linguistica e ottenga altre candidature oltre a quella, scontata, come miglior film internazionale.

A votare gli Oscar, lo ricordiamo, sono i quasi 7000 membri dell’Academy, l’associazione che rappresenta l’industria cinematografica americana e che è formata da registi, attori, produttori, sceneggiatori e appartenenti alle varie maestranze, alcuni anche provenienti dall’estero. I membri dell’Academy votano le nomination delle rispettive categorie di appartenenza, e poi tutti insieme votano quelle per il miglior film.

Vi ricordiamo che la 92esima edizione degli Academy Awards, come la 91esima, non vedrà la presenza di un conduttore fisso sul palco. La cerimonia verrà trasmessa in Italia da Sky.

TANTI FILM CON TANTE NOMINATION

È Joker a guidare la lista delle candidature: nominato in ben 11 categorie, il vincitore del Leone d’Oro al Festival di Venezia (anche quest’anno grande indicatore della corsa agli Oscar) è presente sia come miglior film, sia come miglior attore (Joaquin Phoenix) e regista (Todd Phillips) che in numerose categorie tecniche. Nel 2019 Black Panther era stato il primo cinecomic a ottenere la nomination come miglior film, nel 2020 è la prima volta che un cinecomic ottiene così tante candidature.

Seguono The Irishman di Martin Scorsese, 1917 di Sam Mendes e C’era una volta a… Hollywood di Quentin Tarantino, tutti con ben 10 nomination. I film di Scorsese e Tarantino ottengono diverse nomination anche nelle categorie degli attori (che sono la componente più numerosa dell’Academy, ecco perché i premi della Screen Actors Guild sono centrali per definire la corsa agli Oscar), mentre 1917 e The Irishman sono gli unici candidati a miglior film a essere nominati anche per gli effetti visivi. Non è un dettaglio marginale.

Ci sono poi Piccole Donne, Jojo Rabbit, Storia di un matrimonio e Parasite che ottengono tutti sei candidature. Il film di Bong Joon-ho raggiunge un traguardo importantissimo: nonostante non sia riuscito ad avere nomination per le interpretazioni, sfonda decisamente il limite della lingua e compare anche nella lista del miglior film e miglior regista.

SORPRESE E DELUSIONI

Accanto a diverse sorprese ci sono altrettante delusioni. Se nella corsa come migliore attrice, per esempio, stupisce la presenza di Cynthia Erivo, sono assenti Jennifer Lopez e Awkwafina (vincitrice del Golden Globe per The Farewell – Una Bugia Buona). Nel caso degli interpreti maschili, non tutti si aspettavano una presenza così ampia per I Due Papi e non era scontato che Antonio Banderas sarebbe rientrato per Dolor y Gloria di Pedro Almodovar, mentre c’era chi era convinto nella nomination di Adam Sandler per Diamanti Grezzi. Un’altra delusione, poi, la scarsità di nomination per Avengers: Endgame, anche se le speranze per il cinecomic dei Marvel Studios erano già scemate nelle settimane scorse con i vari premi delle guild.

In generale è una grandissima annata per Netflix, che un anno dopo le controversie legate a Roma fa incetta di nomination per The Irishman, Storia di un Matrimonio, I Due Papi e persino per Klaus e Dov’è il mio Corpo? nella categoria miglior film d’animazione, dove invece non compare Frozen 2 – Il Segreto di Arendelle (candidato come miglior canzone). L’ingaggio della regina dei premi Lisa Taback inizia a dare seriamente i suoi frutti.

SCHIVATE LE CONTROVERSIE?

Nonostante le sei nomination per Piccole Donne, Greta Gerwig non compare nella corsa come miglior regista: anche quest’anno la categoria è una prerogativa maschile (Issa Rae, durante l’annuncio, ha esclamato ironicamente ‘congratulazioni a questi uomini’). E sebbene le categorie principali siano sostanzialmente popolate da membri caucasici, la nomination a Cynthia Erivo, così come le sei candidature per Parasite dovrebbero far schivare le polemiche in cui invece è incappata la giuria dei BAFTA qualche giorno fa.

Non erano mai state nominate così tante donne, comunque, nelle varie categorie: ben 62. Anno dopo anno l’Academy sta lavorando verso l’inclusività e la diversificazione, e nel 2019 ha annunciato 842 nuovi membri di cui molte donne e molti non caucasici.

UN PO’ DI NUMERI

  • Scarlett Johansson è nominata due volte quest’anno: come attrice protagonista per Storia di un matrimonio e come attrice non protagonista per Jojo Rabbit
  • Cynthia Erivo è nominata sia come attrice protagonista che per miglior canzone, per Harriet
  • Saoirse Ronan è la seconda interprete (maschio o femmina) più giovane a raggiungere le quattro nomination all’Oscar
  • John Williams batte se stesso e raggiunge il numero di 52 nomination nella sua carriera: è il più alto raggiunto da una persona ancora in vita. Walt Disney ne ottenne 59
  • Per la miglior colonna sonora è sfida tra cugini, tra Thomas Newman e Randy Newman
  • È la prima volta che Elton Johns e Bernie Taupin, collaboratori di lunghissima data, vengono nominati all’Oscar insieme
  • L’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama e sua moglie Michelle hanno prodotto American Factory, nominato all’Oscar come miglior documentario
  • Martin Scorsese è il regista vivente con il maggior numero di nomination

OSCAR 2020: TUTTE LE NOMINATION

Miglior film

  • 1917, regia di Sam Mendes
  • C’era una volta a… Hollywood (Once Upon a Time… in Hollywood), regia di Quentin Tarantino
  • The Irishman, regia di Martin Scorsese
  • Jojo Rabbit, regia di Taika Waititi
  • Joker, regia di Todd Phillips
  • Le Mans ’66 – La grande sfida (Ford v Ferrari), regia di James Mangold
  • Parasite (Gisaengchung), regia di Bong Joon-ho
  • Piccole donne (Little Women), regia di Greta Gerwig
  • Storia di un matrimonio (Marriage Story), regia di Noah Baumbach

Migliore regia

  • Bong Joon-ho – Parasite (Gisaengchung)
  • Sam Mendes – 1917
  • Todd Phillips – Joker
  • Martin Scorsese – The Irishman
  • Quentin Tarantino – C’era una volta a… Hollywood (Once Upon a Time… in Hollywood)

Migliore attore protagonista

  • Antonio Banderas – Dolor y gloria
  • Leonardo DiCaprio – C’era una volta a… Hollywood (Once Upon a Time… in Hollywood)
  • Adam Driver – Storia di un matrimonio (Marriage Story)
  • Joaquin Phoenix – Joker
  • Jonathan Pryce – I due papi (The Two Popes)

Migliore attrice protagonista

  • Cynthia Erivo – Harriet
  • Scarlett Johansson – Storia di un matrimonio (Marriage Story)
  • Saoirse Ronan – Piccole donne (Little Women)
  • Charlize Theron – Bombshell – La voce dello scandalo (Bombshell)
  • Renée Zellweger – Judy

Migliore attore non protagonista

  • Tom Hanks – Un amico straordinario (A Beautiful Day in the Neighborhood)
  • Anthony Hopkins – I due papi (The Two Popes)
  • Al Pacino – The Irishman
  • Joe Pesci – The Irishman
  • Brad Pitt – C’era una volta a… Hollywood (Once Upon a Time… in Hollywood)

Migliore attrice non protagonista

  • Kathy Bates – Richard Jewell
  • Laura Dern – Storia di un matrimonio (Marriage Story)
  • Scarlett Johansson – Jojo Rabbit
  • Florence Pugh – Piccole donne (Little Women)
  • Margot Robbie – Bombshell – La voce dello scandalo (Bombshell)

Migliore sceneggiatura originale

  • Noah Baumbach – Storia di un matrimonio (Marriage Story)
  • Bong Joon-ho e Han Jin-won – Parasite (Gisaengchung)
  • Rian Johnson – Cena con delitto – Knives Out
  • Sam Mendes e Krysty Wilson-Cairns – 1917
  • Quentin Tarantino – C’era una volta a… Hollywood (Once Upon a Time… in Hollywood)

Migliore sceneggiatura non originale

  • Greta Gerwig – Piccole donne (Little Women)
  • Anthony McCarten – I due papi (The Two Popes)
  • Todd Phillips e Scott Silver – Joker
  • Taika Waititi – Jojo Rabbit
  • Steven Zaillian – The Irishman

Miglior film internazionale

  • Boże Ciało, regia di Jan Komasa (Polonia)
  • Dolor y gloria, regia di Pedro Almodóvar (Spagna)
  • Medena zemja, regia di Tamara Kotevska e Ljubomir Stefanov (Macedonia del Nord)
  • I miserabili (Les Misérables), regia di Ladj Ly (Francia)
  • Parasite (Gisaengchung), regia di Bong Joon-ho (Corea del Sud)

Miglior film d’animazione

  • Dov’è il mio corpo? (J’ai perdu mon corps), regia di Jérémy Clapin
  • Dragon Trainer – Il mondo nascosto (How to Train Your Dragon: The Hidden World), regia di Dean DeBlois
  • Klaus – I segreti del Natale (Klaus), regia di Sergio Pablos
  • Missing Link, regia di Chris Butler
  • Toy Story 4, regia di Josh Cooley

Migliore fotografia

  • Jarin Blaschke – The Lighthouse
  • Roger Deakins – 1917
  • Rodrigo Prieto – The Irishman
  • Robert Richardson – C’era una volta a… Hollywood (Once Upon a Time… in Hollywood)
  • Lawrence Sher – Joker

Migliore scenografia

  • Dennis Gassner e Lee Sandales – 1917
  • Lee Ha-jun e Cho Won-woo – Parasite (Gisaengchung)
  • Barbara Ling e Nancy Haigh – C’era una volta a… Hollywood (Once Upon a Time… in Hollywood)
  • Bob Shaw e Regina Graves – The Irishman
  • Ra Vincent e Nora Sopková – Jojo Rabbit

Miglior montaggio

  • Andrew Buckland e Michael McCusker – Le Mans ’66 – La grande sfida (Ford v Ferrari)
  • Tom Eagles – Jojo Rabbit
  • Jeff Groth – Joker
  • Thelma Schoonmaker – The Irishman
  • Yang Jin-mo – Parasite (Gisaengchung)

Migliore colonna sonora

  • Alexandre Desplat – Piccole donne (Little Women)
  • Hildur Guðnadóttir – Joker
  • Randy Newman – Storia di un matrimonio (Marriage Story)
  • Thomas Newman – 1917
  • John Williams – Star Wars: L’ascesa di Skywalker (Star Wars: The Rise of Skywalker)

Migliore canzone

  • I Can’t Let You Throw Yourself Away (Randy Newman) – Toy Story 4
  • (I’m Gonna) Love Me Again (Elton John, Bernie Taupin) – Rocketman
  • I’m Standing With You (Diane Warren) – Atto di fede (Breakthrough)
  • Into the Unknown (Kristen Anderson-Lopez e Robert Lopez) – Frozen II – Il segreto di Arendelle (Frozen II)
  • Stand Up (Joshuah Brian Campbell, Cynthia Erivo) – Harriet

Migliori effetti speciali

  • Matt Aitken, Dan DeLeeuw, Russell Earl e Daniel Sudick – Avengers: Endgame
  • Greg Butler, Dominic Tuohy e Guillaume Rocheron – 1917
  • Leandro Estebecorena, Nelson Sepulveda-Fauser e Stephane Grabli e Pablo Helman – The Irishman
  • Roger Guyett, Neal Scanlan, Patrick Tubach e Dominic Tuohy – Star Wars: L’ascesa di Skywalker (Star Wars: The Rise of Skywalker)
  • Andrew R. Jones, Robert Legato, Elliot Newman e Adam Valdez – Il re leone (The Lion King)

Miglior sonoro

  • David Giammarco, Paul Massey e Steven A. Morrow – Le Mans ’66 – La grande sfida (Ford v Ferrari)
  • Tom Johnson, Gary Rydstrom e Mark Ulano – Ad Astra
  • Todd Maitland, Tom Ozanich e Dean Zupancic – Joker
  • Christian P. Minkler, Michael Minkler e Mark Ulano – C’era una volta a… Hollywood (Once Upon a Time… in Hollywood)
  • Mark Taylor e Stuart Wilson – 1917

Miglior montaggio sonoro

  • David Acord e Matthew Wood – Star Wars: L’ascesa di Skywalker (Star Wars: The Rise of Skywalker)
  • Alan Robert Murray – Joker
  • Wylie Stateman – C’era una volta a… Hollywood (Once Upon a Time… in Hollywood)
  • Donald Sylvester – Le Mans ’66 – La grande sfida (Ford v Ferrari)
  • Oliver Tarney e Rachael Tate – 1917

Migliori costumi

  • Mark Bridges – Joker
  • Jacqueline Durran – Piccole donne (Little Women)
  • Arianne Phillips – C’era una volta a… Hollywood (Once Upon a Time… in Hollywood)
  • Sandy Powell e Christopher Peterson – The Irishman
  • Mayes C. Rubeo – Jojo Rabbit

Miglior trucco e acconciatura

  • Vivian Baker, Anne Morgan e Kazuhiro Tsuji – Bombshell – La voce dello scandalo (Bombshell)
  • Rebecca Cole, Naomi Donne e Tristan Versluis – 1917
  • Kay Georgiou e Nicki Ledermann – Joker
  • Paul Gooch, Arjen Tuiten e David White – Maleficent – Signora del male (Maleficent: Mistress of Evil)
  • Jeremy Woodhead – Judy

Miglior documentario

  • Alla mia piccola Sama (For Sama), regia di Waad al-Kateab ed Edward Watts
  • The Cave, regia di Feras Fayyad
  • Edge of Democracy – Democrazia al limite (Democracia em vertigem), regia di Petra Costa
  • Made in USA – Una fabbrica in Ohio (American Factory), regia di Steven Bognar e Julia Reichert
  • Medena zemja, regia di Tamara Kotevska e Ljubomir Stefanov

Miglior cortometraggio documentario

  • In the Absence, regia di Yi Seung-jun
  • Learning to Skateboard in a Warzone (If You’re a Girl), regia di Carol Dysinger
  • Life Overtakes Me, regia di Kristine Samuelson e John Haptas
  • St. Louis Superman, regia di Smriti Mundhra e Sami Khan
  • Walk Run Cha-Cha, regia di Laura Nix

Miglior cortometraggio

  • Ikhwène, regia di Meryam Joobeur
  • Nefta Football Club, regia di Yves Piat
  • The Neighbors’ Window, regia di Marshall Curry
  • Saria, regia di Bryan Buckley
  • Une sœur, regia di Delphine Girard

Miglior cortometraggio d’animazione

  • Dcera, regia di Daria Kashcheeva
  • Hair Love, regia di Bruce W. Smith, Matthew A. Cherry e Everett Downing Jr.
  • Kitbull, regia di Rosana Sullivan
  • Mémorable, regia di Bruno Collet
  • Sister, regia di Siqi Song

 

 

NUMERO DI NOMINATION PER FILM

  • Joker (11)
  • C’era una volta a… Hollywood (10)
  • The Irishman (10)
  • 1917 (10)
  • Parasite (6)
  • Piccole Donne (6)
  • Jojo Rabbit (6)
  • Storia di un matrimonio (6)
  • Le Mans ’66 – La grande sfida (4)
  • Star Wars: L’Ascesa di Skywalker (3)
  • I Due Papi (3)
  • Bombshell (3)
  • Harriet (2)
  • Honeyland (2)
  • Judy (2)
  • Dolor y Gloria (2)
  • Toy Story 4 (2)

NUMERO DI NOMINATION PER MAJOR
20th Century Fox e Fox Searchlight sono incluse in Disney

  • Netflix: 24
  • Walt Disney Co.: 23
  • Sony Pictures: 20
  • Warner Bros.: 12
  • Universal Pictures/Focus Features: 11
  • Lionsgate/Roadside Attractions: 7
  • Neon: 6

CORRELATI

Le nomination ai principali premi della guild:

La votazione finale per gli Oscar inizierà il 30 gennaio e proseguirà fino al 4 febbraio. La 92esima edizione degli Academy Awards si terrà il 9 febbraio.

Trovate tutte le notizie sugli Oscar nella nostra pagina speciale.