Penultimo appuntamento con i nostri videoblog dal viaggio in Irlanda che abbiamo fatto a maggio alla scoperta dei set di Game of Thrones e di Star Wars.

Conclusa la porzione dedicata al Trono di Spade, oggi tocca alla prima delle due tappe dedicate a Guerre Stellari.

Per raggiungere Portmagee, nella punta più a ovest dell’Irlanda, io e Andrea Bedeschi ci siamo incontrati a Dublino: noleggiata un’auto (e imparato a gestire la guida a destra!), abbiamo intrapreso un viaggio di cinque ore attraverso la splendida isola. Avvicinandoci sempre più all’Oceano, il paesaggio ha iniziato a cambiare, passando dalla verde campagna dell’entroterra alle dolci colline e ai fiordi della Contea incontaminata di Kerry. Portmagee è un minuscolo centro abitato popolato da poche centinaia di persone: villaggio costiero inserito in uno stretto fiordo di acqua calmissima che sbocca sul turbolento Oceano Atlantico, ospita The Moorings, un bar ristorante con alcune camere da letto che nel 2015 e nel 2017 ha ospitato il team di pre-produzione del film e i protagonisti Daisy Ridley e Mark Hamill, e così per qualche tempo il “sonnecchiante paese di Portmagee” è diventato molto più attivo e vivace. Le riprese si sono svolte a Skellig Michael, una delle due isole Skellig, spettacolari rocce che spuntano nel mezzo dell’Oceano a pochi chilometri da Portmagee e che in Star Wars: il Risveglio della Forza e Star Wars: gli Ultimi Jedi hanno raffigurato il pianeta Ahch-To. La sera prima di imbarcarci per visitare Skellig Michael abbiamo quindi scambiato quattro chiacchere con Gerard Kennedy, proprietario di The Moorings (e anche abile chitarrista!), che ci ha raccontato tutto dell’esperienza con la Lucasfilm, incluse alcune divertenti curiosità.

Solo poche barche di turisti al giorno hanno il permesso di attraccare sull’isola di Skellig Michael, e solo durante il periodo estivo se le condizioni del tempo lo permettono (qui trovate tutte le informazioni). Abbiamo avuto molta fortuna con il meteo, e così la mattina dopo abbiamo attraversato il tratto di Oceano che divide la costa Irlandese da Skellig, incontrando peraltro alcuni gruppi di delfini. Per arrivare in cima all’isola è necessario arrampicarsi su un percorso di ben 600 scalini di pietra senza parapetti: la roccia può essere scivolosa, ed è per questo che prima di partire una guida elenca ai visitatori tutti i consigli sulla sicurezza, sconsigliando la salita ai più indecisi (non sono pochi gli incidenti che avvengono ogni anno). Noi ci siamo armati di coraggio e di action cam e siamo arrivati sino in cima all’enorme scoglio, dove si trova l’antichissimo monastero cristiano costruito nel 588 d.c e divenuto patrimonio dell’UNESCO. I monaci vivevano in piccole celle circolari fatte di pietra e costruite in cima alla scalinata, a picco sull’Oceano su una scogliera di oltre 60 metri di altezza. Tra le celle si trova anche un suggestivo cimitero, mentre poco più in là (in un’area non raggiungibile dai pochi visitatori autorizzati a sbarcare ogni giorno sull’isola) si trova una piccola chiesa. L’isola è popolata da Puffin, le pulcinella di mare, che abbiamo incontrato lungo tutta la salita: a loro i creativi della Lucasfilm si sono ispirati per creare i Porg.

Il contesto remoto e protetto del luogo ha reso le riprese di Star Wars molto complesse, ma la possibilità di girare in una location così suggestiva ha reso ancora più realistica l’ambientazione presente nel film.

Qui sopra potete vedere il nostro video reportage del tour, mentre qui sotto trovate il video completo della scalata di Skellig Michael!

 

Ringraziamo per la preziosissima collaborazione Turismo Irlanda e The Wild Atlantic Way, The Moorings a Portmagee e in particolare Gerard Kennedy. Video a cura di Andrea Francesco Berni e Andrea Bedeschi, montaggio di Mirko D’Alessio.

Nella nostra pagina speciale trovate tutti gli aggiornamenti su #BadInTheNorth e #TheBadJedi il nostro doppio tour alla scoperta delle meravigliose location irlandesi di Game of Thrones e di Star Wars.