Scott Pilgrim vs The World: The Game – Complete Edition, inaspettato e piacevole porting | Recensione

Per scongelare un gioco del 2010 ci vuole una motivazione forte, credibile, convincente. Del resto i videogiochi tendono ad invecchiare piuttosto in fretta e sono pochi quelli che superano indenni la prova del tempo, senza necessitare di un periodico ed invasino restyling grafico e di gameplay.

Eppure non mancano produzioni a cui non serva chissà quale revisione per funzionare ancora. Si può reinventare ed aggiornare la formula, come ben testimonia Tetris 99, ma in certi casi non serve aggiungere o togliere nulla per garantire divertimento ed intrattenimento di qualità anche ai videogiocatori contemporanei.

A questo gruppo di titoli, che potremmo definire senza tempo, fa sicuramente parte anche Scott Pilgrim vs The World: The Game – Complete Edition, sorprendentemente richiamato al fronte dopo un sonno criogenico che sembrava eterno, rigettato nella mischia per dimostrare tutte ...