Passengers, il film di fantascienza diretto da Morten Tyldum (The Imitation Game) basato su uno script di Jon Spaihts con protagonisti Jennifer Lawrence e Chris Pratt non può certo definirsi un flop, con i suoi 300 milioni di dollari incassati a fronte dei 110 spesi per il budget (escluso il P&A), ma è ipotizzabile pensare che la Sony si aspettasse di più da questa pellicola interpretata da due delle star più in voga del momento.

Lo scarso apprezzamento da parte della critica (31% su Rotten Tomatoes) potrebbe aver influito sul passaparola tutt’altro che invidiabile. Di sicuro, fra le persone rimaste colpite dalle recensioni negative, possiamo annoverare Chris Pratt che ha parlato della questione insieme al New York Daily News.

Sì, sono rimasto davvero sorpreso, mi ha colto alla sprovvista. È stata davvero una lezione in tal senso. Personalmente ritengo che il film sia molto valido, sono molto fiero di questa pellicola. Sono curioso di vedere se resterà nel tempo, intendo l’approccio critico al film. Ma sono fiero della pellicola, dell’esito commerciale al botteghino. Ma lo score critico è stato sproporzionato rispetto al cinemascore. Su Rotten ha la stessa media del Superpoliziotto del Supermercato. Detto ciò non voglio trovarmi in una situazione in cui mi trovo a criticare le posizioni dei critici, quindi smetterò di parlare di tale questione.

 

 

Nel cast di Passengers troviamo Jennifer LawrenceChris PrattLaurence Fishburne e Michael Sheen. Il film è uscito nelle nostre sale il 30 dicembre 2016.

Questa la trama:

Durante un viaggio verso una nuova casa, due passeggeri vengono svegliati 90 anni prima del previsto per un guasto della nave spaziale. Jim (Chris Pratt) e Aurora (Jennifer Lawrence) si ritrovano con la prospettiva di passare il resto della loro vita a bordo, pur con tutti i comfort possibili, e si innamorano… ma scoprono che l’astronave è in grave pericolo. La vita di 5000 passeggeri addormentati dipende da Jim e Aurora, solo loro possono salvarli.